Appalti pubblici: rispondere a un bando di concorso

Due uomini si stringono la mano.

Gli appalti pubblici rappresentano una parte significativa dell’economia svizzera. Guida per le PMI interessate a un bando di concorso.

Per stimolare la concorrenza e garantire pari opportunità a tutte le aziende, è importante che l'accesso agli appalti pubblici rimanga il più trasparente possibile. In particolare, visto che questi svolgono un ruolo considerevole nell'economia svizzera: le sole esigenze della Confederazione nel 2018 si attestavano a 5,55 miliardi di franchi nell’ambito delle costruzioni, dei beni e dei servizi.

Procedure facilitate

In tale contesto, le opportunità di standardizzazione offerte da internet non sono da trascurare. La piattaforma simap.ch utilizzata dalla Confederazione, dai cantoni e comuni consente di facilitare le procedure, sia con le autorità pubbliche, che con le aziende private interessate a rispondere a un bando di concorso.

Prevenire la corruzione

La nuova Ordinanza sugli appalti pubblici (OAPub) (che entrerà in vigore il 1° gennaio 2021) prevede delle misure severe sui conflitti d’interesse e sulla corruzione (art. 3). Il committente può, inoltre, fissare delle regole di condotta nelle condizioni generali o nel contratto che le lega all’offerente (come clausole d’integrità, pene convenzionali o misure che garantiscano la legalità dei processi, ecc.).

Fonte: sito internet della Conferenza degli acquisti della Confederazione (Spiegazioni concernenti l’OAPub e Comunicato stampa sulla revisione della legislazione degli acquisti pubblici), 15.10.2020.



Informazione

Ultima modifica 28.10.2020

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/consigli-pratici/gestire-una-pmi/appalti-pubblici.html