La digitalizzazione delle PMI in Svizzera: una sfida fondamentale

banner-digitalisation

Le imprese devono adeguare il loro funzionamento e operare una trasformazione digitale per poter continuare ad essere competitive. Definizione ed esempi.

Le PMI rappresentano il 95% del tessuto economico della Svizzera. La digitalizzazione di queste imprese costituisce pertanto un tema centrale per permettere al paese di restare concorrenziale sul piano europeo e internazionale. Dato che la Svizzera è un territorio povero di risorse naturali, essa beneficia di una capacità approfondita nelle tecnologie di base, quali la microtecnologia e la meccanica di precisione. Questo vantaggio le permette di sfruttare favorevolmente i passi avanti offerti dalla digitalizzazione.

Inoltre, la Svizzera investe una parte importante delle sue risorse finanziarie nella formazione. Questo le garantisce una maggior apertura verso l’innovazione e genera anche un universo imprenditoriale particolarmente diversificato e reattivo ai cambiamenti legati ai progressi tecnologici. La digitalizzazione, combinata al savoir-faire tecnologico e alla formazione, occupa pertanto un posto importante nel posizionamento economico del paese nei confronti della concorrenza internazionale.

Definizione

Denominata anche con il termine Industria 4.0 o Industria 2025, la digitalizzazione consiste nel far evolvere un modello d’affari tenendo conto dei progressi informatici. L’aggiunta della digitalizzazione tende così a ottimizzare l’efficacia dell’impresa sia per quanto concerne la sua strategia, che la sua produzione e il suo rapporto con la clientela.

1. Dati

L’utilizzo dei dati digitali modifica la relazione al flusso d’informazioni in seno all’impresa. Gli scambi diventano più semplici e rapidi. I dati possono essere trasmessi in tempo reale e sono immediatamente consultabili, la reattività dell’impresa può pertanto essere migliorata.

2. Produzione

Per quanto concerne la produzione, la digitalizzazione permette all’impresa di far ricorso a sistemi o a macchine interamente automatizzati. Questo implica un monitoraggio preciso della produzione, ad esempio attraverso un’applicazione mobile. Se sopraggiunge un problema, esso può essere risolto a distanza e velocemente. Questo tipo di dispositivo garantisce infatti una tracciabilità che permette non soltanto di identificare rapidamente gli errori, ma fornisce pure uno strumento che li possa prevenire più facilmente.

3. Clienti

I rapporti con la clientela evolvono anche tramite un contatto digitale. Questo progresso tecnologico permette soprattutto un’identificazione più precisa dei bisogni e delle aspettative dei consumatori. L’impresa può così orientare i suoi servizi e mirare più facilmente al suo pubblico. 

Esempi pratici

  • Elite ha dotato di ricettori i materassi che fabbrica e noleggia al settore alberghiero. La PMI vodese può così fatturarli ai suoi clienti sulla base del loro utilizzo effettivo (cfr. tema del mese).
  • Swiss Tools ha iniziato presto il passaggio al digitale. L’impresa bernese dota i suoi strumenti di componenti digitali (cfr. intervista).
  • La Clinique di Genolier ha deciso di digitalizzare tutti i suoi processi di fatturazione, dalla sostituzione delle medicazioni in clinica fino alla ricezione del conto a casa del cliente (cfr. tema del mese).

Fonti: studio EY (20 marzo 2019), inchiesta "Test di compatibilità digitale della SECO" (2018), dossier "Digitalizzazione nelle aziende svizzere" della banca Raiffeisen (2017), articoli della rubrica Attualità del Portale PMI.


Informazione

Ultima modifica 14.11.2019

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/fatti-e-tendenze/digitalizzazione.html