Consigli per ottenere un buon business plan

Il businessplan è in prima linea uno strumento che mostra con quali mezzi realizzare l’idea commerciale.

Il business plan offre informazioni sul passato, il presente e il futuro di un'impresa. Esso comprende asserzioni su strategia, situazione di mercato, provvedimenti previsti e fabbisogno finanziario.

In un primo tempo bisogna stabilire le linee guida della gestione. Le idee e gli obiettivi devono essere presentati e sottoposti a una verifica sistematica. Inseguito, i partner e i potenziali investitori possono ottenere, grazie al business plan, una panoramica precisa dei rischi e delle opportunità della società.

Il business plan è consigliato anche quando un'impresa si trova davanti a un importante passo evolutivo o quando necessita del sostegno di un partner.

Layout

Il business plan va scritto orientandosi al destinatario, il quale deve potersi avvalere di tutte le informazioni necessarie, inclusi grafici e tabelle che chiariscono i dati principali.

Un business plan si basa su fatti e stime. Pertanto è importante fare in modo che cifre e scenari frutto di stime siano separati in modo chiaro dai fatti. 20-40 pagine, inclusi gli allegati, bastano per allestire un business plan completo.

Struttura

Il business plan* deve trattare i punti seguenti:

  • Sintesi: idea commerciale, visione, strategia, management, prodotti, mercato, piano finanziario, opportunità e rischi, eventualmente offerta di partecipazione
  • Impresa: forma giuridica e struttura del capitale, proprietario, partner strategici e operativi, controlling, consulente
  • Management e collaboratori: organigramma, responsabilità, formazione e esperienza nel management delle persone chiave, pianificazione del personale e promozione del personale
  • Prodotti e servizi: descrizione dettagliata di prodotti e servizi nonché vantaggi per i clienti, stato del ciclo di vita, sviluppi ulteriori e innovazione
  • Mercato: mercati di sbocco (potenziale e crescita), struttura dei clienti, fatturato pianificato, competitori, analisi della concorrenza e analisi di mercato
  • Marketing: mercati e clienti target, PR, pubblicità, vendita, distribuzione, politica dell'assortimento, dei prodotti, dei servizi e dei prezzi
  • Rischi imprenditoriali: analisi del potenziale di rischio e delle chance per evitare o minimizzare i rischi
  • Produzione e infrastruttura: ubicazione, impianti di produzione, capacità, magazzini, fornitori, calcolo delle spese
  • Diversi: protezione di brevetti e marchi, politica assicurativa e politica dei rischi, impegno pubblico
  • Agenda: scadenze, obiettivi graduali

Abbonati alla nostra Newsletter gratuita per conoscere le ultime novità (iscrizioni in alto a destra).


Informazione

Ultima modifica 14.10.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/consigli-pratici/costituire-una-pmi/costituzione-d-impresa/muovere-i-primi-passi/un-avvio-ben-pianificato/business-plan.html