La protezione offerta da un brevetto

Il brevetto protegge invenzioni tecniche. A condizione che siano nuove e che non siano ancora state rese pubbliche.

Il brevetto d’invenzione permette di proteggere le invenzioni tecniche, in particolare i prodotti (movimenti, tessuti tecnologici, sostanze chimiche, ecc.) e procedure (procedura di essicazione per alimentari, procedura di pulizia, ecc.).

Divieto di uso commerciale

Il titolare di un brevetto può vietare a terzi di utilizzare la sua invenzione a scopo commerciale (può, per esempio, far vietare di fabbricare e vendere i prodotti protetti), e questo per un periodo fino a 20 anni nei Paesi in cui l'invenzione è stata protetta. In cambio l'invenzione deve essere pubblicata nel brevetto.

Condizioni da soddisfare

Il deposito di un brevetto deve soddisfare le condizioni seguenti:

  • L'invenzione, tra l’altro, deve essere nuova e non deve derivare in maniera evidente sulla base dello stadio attuale della tecnica.
  • “Nuova” significa che prima del deposito del brevetto l'invenzione non è stata resa nota in nessun luogo. Chi intende far brevettare la propria invenzione dovrebbe mantenerla segreta fino al momento del suo deposito.

Alternative

Esistono alternative ai brevetti:

  • Qualora il prodotto finito non permetta di riconoscere l'invenzione, è possibile di mantenere il segreto commerciale.
  • Chi non desidera proteggere la propria invenzione ma vuole impedire a terzi di brevettarla può pubblicarla, ad esempio su una piattaforma di pubblicazione. Dopo la pubblicazione l'invenzione non è più nuova e dunque neppure brevettabile.

Per la scelta della strategia di protezione e la formulazione del brevetto è consigliabile rivolgersi a un consulente in brevetti.

Ricerche

Dato che al momento del deposito dei brevetti l'Istituto federale della proprietà intellettuale (IPI) non controlla la novità delle invenzioni, i richiedenti stessi dovrebbero effettuare in anticipo le necessarie verifiche, per esempio tramite una ricerca su Espacenet o una ricerca assistita all'IPI, eventualmente con l'aiuto di un consulente in brevetti.

Anche chi non deposita un brevetto, dovrebbe accertarsi di non violare nessun brevetto valido di concorrenti con la realizzazione delle sue innovazioni. Il rischio di violazione può essere verificato tramite ricerche effettuate da professionisti.

Costi

Le tasse per il deposito e l'esame di un brevetto in Svizzera ammontano a CHF 700, secondo l'IPI (stato 2015). A queste possono aggiungersi altri costi. Il titolare del brevetto deve inoltre pagare delle annualità, che vanno da CHF 100 dal quarto anno, e aumentano poi di CHF 50 ogni anno fino a CHF 900 nel ventesimo anno.

Non possono essere protetti da un brevetto in particolare

Non è, tra l’altro, possibile di proteggere con un brevetto pure e semplici scoperte, teorie scientifiche, regole del gioco, metodi didattici, metodi commerciali, procedure diagnostiche, terapeutiche e chirurgiche, varietà vegetali e razze animali.


Abbonati alla nostra Newsletter gratuita per conoscere le ultime novità (iscrizioni in alto a destra).


Informazione

Ultima modifica 14.10.2019

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/consigli-pratici/gestire-una-pmi/proprieta-intellettuale/marchi-brevetti-design-e-diritti-d-autore/brevetti.html