Creare un’impresa da cittadino straniero

Sempre più imprenditori stranieri desiderano mettersi in proprio in Svizzera. Le possibilità di creare un’impresa dipendono del Paese d’origine del fondatore.

Nell'ammissione di manodopera straniera, la Svizzera adotta un sistema duale: i cittadini dei Paesi dell'Unione europea e dell'AELS beneficiano dell'Accordo sulla libera circolazione delle persone.

I cittadini dei Paesi terzi sottostanno a delle restrizioni e solo il personale qualificato ha principalmente diritto ad essere ammesso in Svizzera.

Cittadini provenienti da Paesi UE/AELS

Tutti i cittadini dei Paesi dell'UE e dell'AELS possono mettersi in proprio (i cittadini croati sono soggetti a regole specifiche).

Frontalieri

I frontalieri provenienti da Paesi dell'UE e dell'AELS possono costituire un'impresa in Svizzera ed esercitare un'attività lucrativa indipendente. Essi sottostanno alle stesse condizioni dei cittadini dell'UE e dell'AELS.

Ai cittadini appartenenti a Stati terzi viene invece concesso un permesso per frontalieri unicamente se fruiscono di un diritto di soggiorno duraturo in uno Stato limitrofo e se il loro luogo di residenza si trova da almeno 6 mesi nella vicina zona di frontiera. Secondo l'Accordo di libera circolazione delle persone, i frontalieri sono tenuti al rientro settimanale nel loro luogo di residenza all'estero.



Informazione

Ultima modifica 26.06.2020

Inizio pagina

easygov Logo e link per lo sportello online per le imprese
https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/savoir-pratique/creation-pme/creation-d_entreprise/ressortissants-etrangers.html