Indicizzazione sui motori di ricerca

La creazione del migliore sito internet e una presenza attiva sui social network saranno inutili se questi sforzi non si riflettono sui motori di ricerca. Consigli e spiegazioni.

Tutti gli utenti d'internet fanno ricerche in rete, per esempio tramite Google, Yahoo o Bing. La maggior parte della gente non va oltre la prima pagina dei risultati. L'obiettivo di ogni strategia di marketing su internet dovrebbe essere di collocarsi sulla prima pagina di risultati dei motori di ricerca. A questo scopo, è necessario capire come funzionano i motori di ricerca.

I criteri di Google

Google indicizza e classifica per esempio le pagine internet secondo due criteri:

  • La pertinenza. La pertinenza cerca di valutare l'adeguatezza delle pagine rispetto alle parole chiave indicate.
  • L’autorevolezza. Il criterio di autorevolezza definisce invece le pagine da visualizzare secondo il loro grado di serietà, ossia secondo il numero di link che rinviano queste pagine ad altre pagine. In pratica, più una pagina è citata da altre pagine, più è probabile che salga nella classifica. I link non hanno però tutti lo stesso valore, e un link di un sito che ha a sua volta numerosi link in entrata ha maggiore autorevolezza rispetto a un link che proviene da un sito che non ne ha nessuno o molto pochi.

Metodi d’ottimizzazione

Esistono due metodi principali per migliorare il posizionamento di un sito sui motori di ricerca:

  • La pubblicità a pagamento (o SEA, per "Search Engine Advertising"). I servizi a pagamento di SEA (ad esempio Google Adwords o Yahoo Search Marketing) permettono di far figurare il sito tra i primi risultati della ricerca. Questi link saranno però presentati come inserzioni, cioè come pubblicità pagate dall'azienda. Il proprietario del sito che sottoscrive questo programma pagherà un canone per ogni clic effettuato sul link del sito che appare nei risultati sponsorizzati. Questo sistema può essere particolarmente vantaggioso per i mercati di nicchia che utilizzano parole chiave poco diffuse, quindi meno care. I motori di ricerca dispongono solitamente di strumenti che permettono di misurare l'impatto delle parole chiave utilizzate e di modificarle nel caso in cui non risultino adeguate.
  • L'ottimizzazione naturale dei risultati di ricerca (o SEO, per "Search Engine Optimization"), che si serve dell'utilizzo di parole chiave e dell'aumento dei link in entrata. Questo metodo consiste ad esempio nell'aggiungere delle parole chiave pertinenti sul sito (nel codice e nella presentazione) al fine di aumentare le possibilità di apparire tra i primi risultati di ricerca quando un utente inserisce questi termini o altri simili. Bisogna fare particolare attenzione alla scelta dei titoli delle pagine, ma anche delle loro descrizioni. I risultati nei motori di ricerca dovrebbero riflettere le informazioni presenti nella descrizione delle pagine in poche parole. Ad esempio, le prime frasi di una pagina che presenta i vostri prodotti e le vostre attività devono già comparire nei risultati della ricerca dell'utente. Le URL, ossia gli indirizzi completi delle pagine dei siti, devono anch'essi comportare il maggior numero di parole chiave. La stessa cosa vale per l'architettura del sito stesso, per il titolo delle rubriche, per il testo, ecc.

Aumentare il numero di collegamenti in entrata

Il metodo più efficace per migliorare l'indicizzazione rimane senz'altro quello di migliorare il ranking del proprio sito aumentando il numero di collegamenti in entrata provenienti da siti di una certa notorietà. Le aziende specializzate possono ottenere buoni risultati in quest'ambito, ma non si potrà avere alcun risultato duraturo se il sito non propone contenuti di qualità e d'interesse per i siti di riferimento nel settore. Per aumentare l'affidabilità e le probabilità per il sito di essere indicizzato, un imprenditore attivo nell'orologeria potrà ad esempio redigere degli articoli specializzati nel suo settore e suscettibili di essere ripresi da altri siti specializzati che siano autorevoli in materia. Poiché questi siti conoscono a loro volta numerosi collegamenti in entrata, il fatto di essere da loro citato aumenterà le probabilità per il sito dell'imprenditore di ottimizzare l'indicizzazione e quindi di collocarsi nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca.

Localizzazione

Un altro metodo per migliorare i risultati di ricerca del proprio sito, se i vostri prodotti o servizi sono indirizzati principalmente al mercato locale, è d’iscriversi gratuitamente su un servizio basato sulla localizzazione ("Location-Based Service") come ad esempio Google My Business, Foursquare o local.ch. Queste piattaforme aumenteranno la visibilità della vostra impresa se un privato associa la sua ricerca ad una località. Per esempio, in caso di utilizzo delle parole chiave "carrozziere” e “Zurigo", le carrozzerie di Zurigo iscritte a uno di questi siti avranno possibilità nettamente maggiori di trovarsi tra i primi risultati di ricerca o su di una mappa che appare sullo schermo. Questo tipo di servizi riscontra un successo crescente con la democratizzazione degli smartphone.

Verifica regolare

Una volta che questo lavoro di ottimizzazione è stato effettuato, conviene verificare regolarmente che i metodi utilizzati siano stati soddisfacenti. Il modo migliore è di controllare direttamente la propria indicizzazione sui motori di ricerca.

Fonti: Réseaux sociaux et entreprise: les bonnes pratiques, Christine Balagué e David Fayon, Pearson, 2011; Le marketing en ligne, Jon Reed e Christine Balagué, Pearson, 2011.


Abbonati alla nostra Newsletter gratuita per conoscere le ultime novità (iscrizioni in alto a destra).


Ultima modifica 12.12.2016

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/consigli-pratici/gestire-una-pmi/social-network/l-importanza-di-essere-presenti/indicizzazione.html