I vari tipi di successione aziendale: MBO, MBI, IPO, vendita

La modalità di successione di un’azienda varia molto a seconda degli obiettivi fissati dall’acquirente e dal venditore. Panoramica delle principali possibilità.

Management buy-out (MBO)

Il management buy-out è l'acquisizione da parte di dirigenti esterni alla cerchia famigliare dell'imprenditore, ma facenti parte dell'azienda. Questa soluzione punta sulle competenze e l'esperienza dei dirigenti dell'azienda che ne riprendono la direzione. Essa può rivelarsi fondamentale quando l'azienda opera in settori in cui i contatti e le relazioni giocano un ruolo primario. Un MBO ha bisogno di mezzi finanziari significativi da parte dei successori e quindi di un'azienda con un cash-flow e una redditività sufficienti per ammortizzare l'investimento del riacquisto.

  • Vantaggi. Poiché i nuovi proprietari provengono dalla direzione dell'azienda, essi assicurano una certa continuità nella conduzione degli affari, nella strategia e nelle competenze tipiche dell'azienda. L'opportunità di diventare proprietari per i dirigenti che lo domandano ricompensa l'impegno dimostrato nei corso degli anni e richiede da parte loro una motivazione infallibile. L'imprenditore sarà invece rassicurato di sapere che la riservatezza è mantenuta e che l'azienda è nelle mani di collaboratori esperti che conosce bene.
  • Inconvenienti. I successori rischiano d'indebitarsi troppo per finanziare il riacquisto e di mettere così in pericolo i conti dell'azienda. Poiché l'operazione si svolge tra i dipendenti e il proprietario, i rapporti gerarchici possono creare uno squilibrio nelle negoziazioni. Inoltre, possono sorgere dei conflitti tra i nuovi proprietari. L'imprenditore deve aspettarsi di ottenere un prezzo di vendita inferiore alle attese, date le risorse limitate dei successori.

Management buy-in (MBI)

Il management buy-in è il riacquisto dell'azienda da parte di uno o più manager estranei alla cerchia familiare e all'azienda. In questo caso, una buona scelta dei successori è di fondamentale importanza per la riuscita della successione aziendale. Il proprietario deve assicurarsi che essi possiedano le qualità necessarie per la ripresa dell'azienda e prestare attenzione alla loro esperienza nella gestione aziendale, alle loro conoscenze tecniche, ma anche alle loro relazioni personali. Bisogna anche assicurarsi che gli acquirenti siano affidabili.

  • Vantaggi. Per l'acquirente, un MBI può rappresentare un'occasione unica per dare prova delle sue competenze manageriali risparmiandosi il lavoro di creazione di un business a partire da zero con tutti i vincoli che ne derivano. Se il o i nuovi proprietari sono qualificati e degni di fiducia, l'imprenditore sarà rassicurato nel vedere la sua attività precedente prosperare sotto la nuova guida.
  • Inconvenienti. A differenza di un MBO, la trasmissione delle conoscenze non è assicurata nel caso di un MBI. Il nuovo imprenditore dovrà familiarizzarsi con le competenze e la cultura della società che ha acquisito. Dovrà ugualmente conquistare la fiducia dei suoi nuovi dipendenti per i quali è un perfetto sconosciuto. L'imprenditore e la sua famiglia dovranno invece aspettarsi un prezzo di vendita inferiore, come nel caso di un MBO.

Partecipazione o ripresa da parte di un investitore finanziario

Uno o più investitori finanziari, privati o istituzionali, prendono una partecipazione finanziaria minoritaria o maggioritaria nell'azienda. Questa soluzione è per lo più provvisoria, ad esempio per finanziare un MBO o un MBI nella preparazione a un ingresso in borsa (IPO). La scelta degli investitori è fondamentale in un ambiente che favorisce spesso il rendimento a breve termine.

  • Vantaggi. Gli investitori hanno spesso competenze e relazioni di cui possono fare approfittare anche l'azienda. L'apporto di capitali può permettere di realizzare degli investimenti rinviati a più riprese e di migliorare la liquidità dell'azienda. L'investitore può invece realizzare notevoli profitti nel caso di una valorizzazione dell'azienda.
  • Inconvenienti. Gli investitori finanziari sono per lo più interessati a una rendita rapida e possono preferire delle misure e una gestione focalizzate principalmente sul profitto a breve termine. Certi investitori ricercano delle aziende in difficoltà che rivenderanno dopo un energico risanamento. Il proprietario dovrà quindi essere particolarmente vigile quanto alla provenienza e agli obiettivi degli investitori.

Ingresso in borsa (IPO)

L'azienda fa il suo ingresso in borsa e accede al mercato, migliorando così la sua liquidità e variando il suo azionariato. L'azienda acquisisce una maggiore notorietà e può aprire dei crediti più facilmente. Una IPO è possibile solo per le aziende con un certo profilo, che rappresentano forti prospettive di crescita e risvegliano l'interesse del pubblico e degli ambienti finanziari. Un ingresso in borsa provoca anche cambiamenti notevoli nella struttura della società. La questione del ruolo dell'imprenditore e della sua famiglia una volta che l'azienda è diventata pubblica dovrà essere precisata in modo dettagliato durante la preparazione dell'IPO.

  • Vantaggi. Nel caso d'ingresso in borsa con buon esito, i capitali dell'azienda aumentano sostanzialmente, facilitando così le sue capacità d'investimento e d'indebitamento. L'apertura del capitale conduce a una maggiore copertura mediatica e a un aumento di prestigio per l'azienda che diventa più attraente per i dipendenti. Costoro possono, ad esempio, essere pagati per mezzo di un investimento azionario. L'imprenditore e la sua famiglia possono invece mantenere il controllo dell'azienda fintanto che conservano la maggioranza dei voti all'assemblea generale e dispongono di una buona rappresentazione al consiglio d'amministrazione. Infine, l'apporto in liquidità derivante dall'ingresso in borsa facilita le questioni di successione, dando la possibilità agli azionisti familiari di cedere le loro partecipazioni nella società rivendendo le proprie quote.
  • Inconvenienti. Una IPO cambia radicalmente la struttura dell'azienda. Richiede una preparazione minuziosa e complessa e una professionalizzazione della gestione che sarà ormai esposta alle critiche pubbliche e dei media e dovrà affrontare nuovi compiti, come le conferenze stampa, la pubblicazione di rapporti trimestrali, ecc. Si devono considerare i costi elevati sia per il notevole risanamento prima dell'IPO che per i nuovi obblighi dell'azienda dopo l'IPO. La preparazione di una IPO può durare alcuni anni ed è quindi necessario decidersi piuttosto in fretta e ricorrere ai servizi di una banca d'affari specializzata. Infine, la quotazione in borsa espone l'azienda ai rischi tipici di un ambiente speculativo, ai rilevamenti ostili da parte della concorrenza, ecc. Quanto all'imprenditore e alla sua famiglia, essi corrono il rischio di perdere definitivamente la loro influenza nella guida della società o di non riconoscere più la società che hanno visto crescere e prosperare.

Vendita a un'altra azienda

L'azienda viene venduta a un'altra società, di solito a un concorrente che opera nello stesso settore. Il proprietario può sperare di ottenere un buon prezzo, a condizione che prima ottimizzi la redditività dell'azienda e che il suo valore venga stimato correttamente da professionisti, se necessario.

  • Vantaggi. Per l'acquirente, può essere un'occasione unica di recuperare le competenze, le infrastrutture, i dipendenti e i clienti del suo concorrente. Per l'imprenditore e la sua famiglia, questa soluzione può avverarsi particolarmente vantaggiosa se l'acquirente è una società che dispone di notevoli risorse e se è pronto a pagare il prezzo per recuperare gli attivi dell'azienda o se la presenza di numerosi potenziali acquirenti permette di fare alzare la posta.
  • Inconvenienti. Se la valutazione dell'azienda non è stata condotta correttamente, una delle due parti può sentirsi ingannata. L'integrazione dei dipendenti dell'azienda rilevata nella nuova struttura non è sempre ottimale e può provocare la loro dimissione, cosa che svaluta enormemente il valore effettivo dell'azienda rilevata. Infine, può succedere che l'acquirente non ottenga le prestazioni e le sinergie previste.

Fusione con un'altra azienda

La fusione di due società si ha in principio quando un concorrente opera nello stesso settore. A differenza della vendita, la fusione non deriva da un atto di vendita, ma da una condivisione degli attivi attraverso uno scambio di partecipazioni. Non vi è dunque alcuna disposizione di capitale da parte dell'imprenditore e della sua famiglia che vedono invece diminuire la loro influenza in proporzione alla loro perdita di partecipazione. Tuttavia, questa soluzione può permettere di risolvere i problemi di successione, se non si trova un successore nella cerchia familiare o un acquirente potenziale. La partecipazione al capitale della nuova entità è proporzionale al valore rispettivo delle aziende prima della fusione. È necessario dunque determinare questo valore il più fedelmente possibile. Le disposizioni giuridiche sulla fusione offrono un quadro legislativo per quest'operazione che deve essere rigorosamente osservato.

  • Vantaggi. La fusione di due aziende compatibili di solito provoca una diminuzione dei costi per effetto di sinergia e un aumento del fatturato. L'imprenditore potrebbe quindi aspettarsi una valorizzazione dei suoi attivi.
  • Inconvenienti. Come nel caso della vendita semplice, può succedere che la condivisione delle risorse non porti alle sinergie previste. A volte vengono sottovalutate le difficoltà poste dall'integrazione di culture aziendali diverse, i conflitti potenziali tra i nuovi colleghi, ecc. D'altra parte, è molto probabile che una delle due parti perda il suo status di azionista maggioritario e quindi il controllo dell'azienda risultante dalla fusione.

Successione familiare

Per ulteriori informazioni dettagliate sulle successioni familiari, vedere la sezione dedicata a questo argomento:

Liquidazione

L'attività commerciale cessa e l'azienda è radiata. In certi casi (assenza di eredi, congiuntura economica sfavorevole, debole valore economico dell'azienda), questa opzione, benché dolorosa, è l'unica soluzione possibile. Per ulteriori informazioni sulla liquidazione:

Fonte: UBS Outlook


Abbonati alla nostra Newsletter gratuita per conoscere le ultime novità (iscrizioni in alto a destra).


Ultima modifica 12.07.2016

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/consigli-pratici/successione-cessazione-d-attivita/successione-aziendale/tipi-di-successioni-aziendali.html