Cifre sulle PMI: chiusure d’imprese

Creare un’azienda significa anche correre il rischio di non avere successo. Dopo qualche anno, alcuni imprenditori sono costretti a chiudere bottega.

Il tasso medio di sopravvivenza delle nuove imprese in Svizzera si attesta all’ 83,9% dopo un anno dalla creazione, secondo la Statistica sulla demografia delle imprese dell’UST. Nel 2018, erano quasi 33’000 società create "ex-nihilo" nel 2017 ad essere ancora attive.

Analizzando le imprese create nel 2013, le speranze di sopravvivenza si dimostrano, un anno dopo, leggermente superiori nel settore secondario: l’ 84,6% sussistono nel 2014, contro l’ 83,8% nel settore terziario. Dopo due anni di esistenza la tendenza si inverte. Le imprese del settore terziario mostrano un tasso di sopravvivenza del 70,9% nel 2015, contro il 70,6% nel secondario; in seguito, dopo tre anni di esistenza, del 61,8% nel terziario e del 60,9% nel secondario. Dopo cinque anni di esistenza, questi valori raggiungono 49,3% nel terziario e 48,4% nel secondario.

IT_LN_SECO_ChiffrePME2020_02_05
Fonte: UST, Statistica sulla demografia delle imprese 2013-2018 (prossima pubblicazion relativa all'imprenditorialità femminile: luglio 2021)

Fallimento di società

Nel 2020, 12'912 aperture di procedure di fallimento di società e di persone sono state registrate nell'ambito della legge federale sull'esecuzione e sul fallimento (LEF), ovvero 928 casi in meno rispetto al 2018 (-6,7%).



Informazione

Ultima modifica 21.10.2021

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/fatti-e-tendenze/politica-pmi-fatti-e-cifre/cifre-sulle-pmi/chiusure-d-imprese.html