Impedimento al lavoro e congedo per malattia

In caso di assenze non previste di un dipendente, il datore di lavoro deve continuare a pagare lo stipendio? Spiegazioni.

Per un dipendente, i motivi d'impedimento al lavoro possono essere molteplici. Il datore di lavoro deve essere pronto ad ogni tipo di eventualità e sapere in quali condizioni è tenuto a continuare a pagare l’impiegato durante le assenze.

Malattia

Nel caso in cui un lavoratore si assenti per malattia o a causa di un incidente, il datore di lavoro deve continuare a versargli il salario. Ma per quanto tempo? Esistono due scenari principali:

  • Il contratto di lavoro non prevede l'assicurazione d'indennità giornaliera. In questo caso, il datore di lavoro versa l'intero stipendio durante un periodo definito dal numero di anni di servizio. In effetti, tranne nel caso di termini più lunghi fissati di comune accordo (contratto normale di lavoro o contratto collettivo), il datore di lavoro paga per il primo anno lo stipendio di tre settimane e, in seguito, lo stipendio per un periodo più lungo fissato in modo equo, tenendo conto della durata dei rapporti di lavoro e delle circostanze particolari.
  • Il contratto di lavoro prevede un'assicurazione d'indennità giornaliera per entrambe le parti. Questo caso è frequente. In caso di malattia, la maggior parte delle assicurazioni d'indennità giornaliera danno diritto al versamento di almeno 80% dello stipendio durante 720 o 730 giorni per un periodo di 900 giorni.

In caso di malattia, il datore di lavoro può in principio esigere da parte del lavoratore un certificato medico dal primo giorno di assenza. Tuttavia, numerosi contratti prevedono tale misura a partire dal terzo o quarto giorno.

Malattia di un figlio

Un lavoratore può assentarsi per occuparsi di un figlio malato a condizione che presenti un certificato medico al datore di lavoro. L'impedimento al lavoro può durare fino a tre giorni, secondo l'età e lo stato di salute del figlio malato. Tuttavia, alcune circostanze richiedono un'assenza più lunga, in tal caso, lo stipendio viene versato per un periodo limitato, secondo le stesse regole applicabili in caso di malattia di un lavoratore non assicurato (vedi sopra). Tranne che in casi eccezionali, i genitori devono però trovare delle alternative.

Altri motivi

Molti altri motivi possono impedire a un dipendente di andare al lavoro. Se le ragioni riguardano direttamente il lavoratore (incidente, gravidanza, decesso di un parente vicino, ecc.), si applicano le stesse regole applicabili in caso di malattia di un lavoratore non assicurato (vedi sopra) (art. 324a CO).

Per ciò che concerne il servizio militare o il servizio civile, il datore di lavoro deve versare come minimo l'80% del salario giornaliero del lavoratore. Tuttavia il datore di lavoro riceve una compensazione giornaliera dall'ordinamento delle indennità per perdita di guadagno. Invece, se l'impedimento al lavoro è dovuto a un evento che riguarda più persone, ad esempio un ingorgo o la cancellazione di un volo, allora il datore di lavoro non è tenuto a versare lo stipendio.


Abbonati alla nostra Newsletter gratuita per conoscere le ultime novità (iscrizioni in alto a destra).


Informazione

Ultima modifica 15.10.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/consigli-pratici/personale/diritto-del-lavoro/impedimento-e-malattia.html