Lavoro in nero: danni multilaterali

Il lavoro in nero è vietato in Svizzera e può avere numerose conseguenze negative che colpiscono il lavoratore e il datore di lavoro.

Il lavoro in nero indica ogni tipo di attività lucrativa non annunciata, con lo scopo di evitare un permesso di lavoro in regola o di evitare di pagare le prestazioni sociali (Cassa di compensazione AVS, Cassa di assegni familiari, ecc.).

In linea di principio, il lavoro in nero è vietato in Svizzera. Un datore di lavoro deve rispettare l'obbligo di annuncio e di autorizzazione di lavoro per ognuno dei suoi dipendenti. Il lavoro in nero ha numerose conseguenze negative sia per i lavoratori che per i datori di lavoro e lo Stato. Tra questi, ad esempio: la distorsione della concorrenza tra imprese e lavoratori, il dumping salariale, lo sfruttamento dei lavoratori o la perdita di entrate per lo Stato e le assicurazioni sociali.

Per agevolare ai datori di lavoro le formalità amministrative relative alle attività salariate, la legge sul lavoro in nero definisce delle procedure semplificate. È un modo per incoraggiare le aziende ad assumere legalmente i lavoratori.


Abbonati alla nostra Newsletter gratuita per conoscere le ultime novità (iscrizioni in alto a destra).


Informazione

Ultima modifica 15.10.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/consigli-pratici/personale/diritto-del-lavoro/il-lavoro-in-nero.html