L’innovazione dev'essere a tutti i livelli

Da molti anni ormai, le innovazioni non si limitano allo sviluppo di prodotti e servizi. Oggigiorno, a predominare è la nozione della cosiddetta innovatività extra-concorrenziale e pan-aziendale.

Le innovazioni possono essere suddivise in tre categorie:

1. Innovazione a beneficio dei clienti

I cambiamenti più efficienti sono quelli che garantiscono dei vantaggi ai clienti, sia quelli attuali che futuri. Infatti, i nuovi prodotti vengono accettati meglio dalla clientela se quest'ultima riconosce nei prodotti proposti loro un chiaro miglioramento rispetto al passato.

In tal senso è importante riconoscere tempestivamente e correttamente le effettive esigenze dei clienti. La domanda chiave è pertanto: l'innovazione corrisponde effettivamente a un'esigenza dei clienti oppure si presume unicamente che i clienti possano utilizzare l'innovazione?

Stimare correttamente le esigenze dei clienti è un compito fondamentale e spesso anche molto difficile. Sovente infatti, gli ingegneri oppure i titolari dell'azienda sono talmente convinti della loro idea oppure dell'idea di commercializzazione presentatagli che trascurano di richiedere conferma presso i clienti.

2. Innovazione processuale

Le innovazioni processuali puntano all'ottimizzazione del processo di creazione della prestazione, e non alla prestazione stessa. Le innovazioni processuali aiutano l'impresa a organizzare in modo efficiente e creativo i processi adottati dall'azienda (processi materiali o anche informativi). Con processo s'intende il modo nonché la sequenza (dagli input fino al prodotto finale, passando per la fase intermedia) degli incarichi svolti all'interno di un'impresa durante la creazione di una prestazione.

L'obiettivo delle innovazioni processuali è l'aumento della produttività (rapporto fra il risultato del processo e il periodo intermedio), anche perché le imprese desiderano realizzare prodotti di qualità a costi contenuti. Questi obiettivi sono influenzabili direttamente tramite un'ottimizzazione dei processi. Le innovazioni processuali possono altresì contribuire a migliorare la sicurezza operativa, oltre a ridurre il fabbisogno di materie prime e/o quello energetico.

3. Innovazione socioculturale

Non solo i prodotti e i processi possono essere innovati; anche nell'ambito del personale sono necessarie le cosiddette "innovazioni sociali". Ad esempio quando un'impresa si prefissa l'obiettivo di diventare il datore di lavoro preferito di lavoratori particolarmente innovativi oppure di incoraggiare i propri collaboratori ad agire, all'interno della propria sfera d'azione, come dei veri e propri imprenditori.

Obiettivi sociali:

  • Incremento della soddisfazione sul lavoro.
  • Riduzione delle fluttuazioni.
  • Promozione dell'atteggiamento imprenditoriale dei dipendenti.
  • Incoraggiamento alla creatività.
  • Maggiore sicurezza e migliore prevenzione degli infortuni sul posto di lavoro.

Le innovazioni culturali sono difficili da quantificare. Ad esempio, in che modo è possibile scoprire se il grado d'identificazione dei collaboratori con l'impresa e con i suoi obiettivi è aumentato? In tal senso, validi punti di riferimento possono eventualmente essere forniti dai sondaggi fra i collaboratori. Fra i principali punti di riferimento è possibile annoverare:

  • Maggiore sicurezza e migliore prevenzione degli infortuni sul posto di lavoro.
  • Riduzione delle fluttuazioni dei collaboratori.
  • Riduzione delle assenze.
  • Riduzione della percentuale degli infortuni e di morbilità.

Le innovazioni in seno all’organizzazione vengono definite innovazioni strutturali e con il termine si intendono i miglioramenti apportati all'organizzazione operativa e gerarchica dell'impresa. Con le innovazioni di tipo organizzativo è possibile realizzare:

  • Obiettivi "hard" quali, riduzione dei costi, incremento della qualità ed aumento della produttività.
  • Obiettivi "soft" quali, maggiore soddisfazione nei confronti del lavoro, migliore clima di lavoro e maggiore creatività dei collaboratori.

Abbonati alla nostra Newsletter gratuita per conoscere le ultime novità (iscrizioni in alto a destra).


Ultima modifica 15.10.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/consigli-pratici/gestire-una-pmi/innovazione/le-basi/ambiti-dell-innovazione.html