Percepire il futuro della propria azienda

Bisogna studiare attentamente l’impatto dei fenomeni futuri sulle performance dell’azienda. È quindi necessario sapere come anticiparli.

2° fase: Comprendere il futuro

Nella seconda fase le informazioni raccolte devono essere condensate, selezionate, discusse e valutate. È necessario rispondere alle seguenti domande: cosa significa un trend/sviluppo per la mia impresa? Quali effetti sono ritenuti possibili, probabili, auspicabili, preoccupanti o gestibili? Cosa si può fare oggi per preparare l'impresa a tali effetti?

Brainstorming

È un metodo creativo per far emergere idee, secondo cui un gruppo di persone propone in maniera rapida idee relative a un determinato tema in modo spontaneo e per associazione. Collegato al processo di Foresight, questo metodo offre la possibilità di trovare nuove idee in merito a innovazioni, nuovi settori economici e per lo sviluppo di nuovi prodotti o servizi.

Consigli pratici:

  • Di regola durante il brainstorming è fatto divieto di fare commenti, correzioni e critiche negativi. Non escludere alcuna idea a priori. Quella che sembra strana di primo acchito, può rivelarsi LA buona idea.
  • Se possibile, anche i clienti, i fornitori, i non addetti ai lavori e le persone appartenenti a gruppi di età differenti possono partecipare a un brainstorming.
  • È opportuno appuntare con parole chiave tutto quello che viene detto. In un secondo momento, le parole chiave raccolte possono essere ordinate per idee direttrici e per priorità tematiche. Ogni partecipante seleziona successivamente le tre proposte che ritiene migliori, per esempio attribuendo dei punti. In questo modo è possibile stabilire delle priorità per la successiva fase di elaborazione.

Estrapolazione dei trend

Con il metodo dell'estrapolazione dei trend è possibile produrre un prolungamento delle tendenze attuali e degli sviluppi direttamente nel futuro. Questo metodo viene spesso adottato in modo intuitivo e permette un orientamento utile per le PMI, almeno a breve o medio termine. Per un orizzonte temporale a più lungo termine, questo metodo si rivela inadatto, perché a un periodo di riferimento più ampio può associarsi maggiore insicurezza e risultati più imprevedibili.

Consigli pratici:

  • Con l'estrapolazione dei trend viene definita l'alta probabilità di incidenza di determinati sviluppi. Tuttavia si rivela difficile valutare i diversi trend in maniera obiettiva sulla base della loro "vera" probabilità. Per alcuni tipi di sviluppo (ad esempio l'invecchiamento della società) esiste una probabilità d’incidenza relativamente certa. Per altri sviluppi di contesto, l'impresa dovrebbe costantemente analizzare le proprie ipotesi in modo critico.
  • Non soffermarsi solo sull'estrapolazione dei trend. Porsi almeno la seguente domanda: potrebbe accadere anche qualcosa di completamente diverso? A quali condizioni potrebbe verificarsi qualcosa di diverso?

Tecnica Delphi

Questo metodo si basa sull'ipotesi che un gruppo di esperti abbia una conoscenza superiore su un dato tema o uno sviluppo rispetto a un singolo individuo. L'obiettivo della tecnica Delphi è di creare un solido consenso tra il gruppo di esperti attraverso frequenti questionari scritti con valutazioni intermedie. Gli esperti esprimono la loro opinione e presentano le proprie stime in maniera del tutto indipendente, al fine di non esercitare alcuna influenza sui risultati altrui.

Consigli pratici:

  • Ogni PMI può condurre una cosiddetta Mini-Delphi all'interno della propria struttura, convocando specialisti provenienti da diversi dipartimenti oppure esperti e fornitori qualificati per discutere di un determinato tema sul futuro (per esempio il cambiamento del settore, gli sviluppi tecnologici o i nuovi mercati nascenti).
  • Concentrarsi su poche questioni alla volta ed esigere brevi motivazioni per le stime presentate dai convenuti.
  • Può anche seguire una consultazione di esperti del campo. Per esempio si potrebbe organizzare una volta al mese un "future lunch", per discutere e valutare in un'atmosfera più piacevole diversi temi sul futuro.

Roadmapping

Per la futurologia questo termine significa programmazione temporale per tappe di uno sviluppo atteso fino alla sua attuazione, che permette la strutturazione e una pianificazione approssimativa dei diversi stadi di sviluppo in un determinato arco temporale. In questo modo si possono visualizzare le tendenze a lungo termine nelle loro diverse fasi, in ognuna delle quali è possibile considerare le relative incertezze e le alternative di sviluppo.

Consigli pratici:

  • Graficamente una roadmap assomiglia a una carta geografica. Su questa carta sono rappresentati i diversi percorsi e i collegamenti.
  • Per creare una roadmap è necessario innanzi tutto identificare dei punti fermi da rispettare, dei risultati da raggiungere o delle attività da svolgere. Infine tutti questi elementi vengono ordinati in una struttura superiore e collegati tra loro da frecce.
  • Oltre che per una roadmap tecnologica, questa tecnica si può adattare anche per una rappresentazione fedele del mercato, degli sviluppi strategici, degli stadi di produzione, dei processi o delle strutture organizzative, ma anche degli strumenti per l'orientamento, per i processi decisionali e per la comunicazione.

Il metodo degli scenari

Lo scopo di questo metodo consiste nel proporre diverse alternative di visioni del futuro. Diversamente dall'esportazione dei trend, in cui si può definire solo un futuro rettilineo e prevedibile, gli scenari offrono uno spettro di futuri possibili, auspicabili, probabili o evitabili.

Consigli pratici:

  • Gli scenari aiutano a realizzare anticipatamente possibili opzioni operative e a preparare l'impresa a diversi sviluppi. Inoltre gli scenari possono servire come base per la comunicazione interaziendale, perché rappresentano in modo trasparente e dettagliato i complessi sviluppi futuri.
  • Gli scenari possono essere rappresentati sotto forma di elaborato scritto, film di animazione, fumetto o di qualsiasi altra forma di rappresentazione.
  • Tuttavia con il metodo degli scenari bisogna prestare attenzione, perché spesso si rivela molto impegnativo e viene percepito come poco orientato al risultato e poco concreto per le PMI.
  • Come alternativa, si possono utilizzare gli scenari di settore o di paese già esistenti e proiettare le proprie imprese in questi scenari. Spesso sono disponibili programmi statali di Foresight, oppure grandi gruppi e associazioni superiori mettono a disposizione gli scenari relativi a un mercato o a una tecnologia già redatti.
  • Consultare esperti di scenari, che possono offrire un valido contributo alla propria impresa.

Abbonati alla nostra Newsletter gratuita per conoscere le ultime novità (iscrizioni in alto a destra).


Ultima modifica 15.10.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/consigli-pratici/gestire-una-pmi/innovazione/corporate-foresight-per-pmi/gli-strumenti-del-corporate-foresight-per-le-pmi/2-fase.html