La leadership creativa

L’innovazione non nasce dal nulla: ha bisogno di un capo che la canalizzi, mostrandosi aperto alle idee inattese, flessibile e curioso.

Per far sì che la creatività prosperi in una società, ci vuole un capo, una guida che galvanizzi le sue squadre e le incoraggi a mostrarsi innovative. Quest'ultimo deve far prova di numerose qualità caratteriali:

  • Apertura. Deve essere aperto alle novità e sostenere gli innovatori. Ciò implica che a volte si devono appoggiare delle idee che sembrano inizialmente confuse o rischiose. Deve inoltre proteggerle contro la burocrazia e il legalismo che regnano in numerose organizzazioni. Il suo compito può essere d'incoraggiare gli apporti provenienti da altri settori.
  • Visione d'insieme. Il capo creativo è quello che motiva i dipendenti per mezzo di una visione d'insieme che potrebbe guidare le loro scelte e ispirarli. Idealmente, questo "programma" includerà l'etica, la storia e la filosofia dell'azienda - in pratica, il suo DNA - e potrà anche servire per comunicare all'esterno.
  • Pazienza. Deve sapere accettare l'incertezza. Resistendo alle decisioni prese troppo in fretta e alle conclusioni troppo evidenti, egli riconosce la necessità di una certa confusione creativa iniziale prima che la soluzione s'imponga. Ciò richiede un certo grado di pazienza e di perseveranza.
  • Curiosità. Ha una curiosità senza limiti e ha voglia di conoscere, d'imparare e di fare domande. Tutto gli interessa, perché sa che una buona idea si trova spesso lì dove meno ci si aspetta. È anche in grado di sognare e d'immaginare, mantenendo sempre una certa distanza tra la situazione reale e quella ideale - che si vuole raggiungere. Deve però stare attento a non lasciarsi sommergere dal flusso continuo d'informazioni: è facile lasciarsi distrarre per paura di perdere un'opportunità. Con l'esperienza, imparerà a focalizzare l'attenzione per evitare questo tipo di dispersione.
  • Umorismo. È più facile che la creatività emerga in un contesto ludico. Un buon capo saprà coltivarla, conservando allo stesso tempo una certa serietà. Ciò significa che deve giocare con i limiti, mettere alla prova la flessibilità delle regole e sperimentare nuove idee in modo disinvolto.
  • Flessibilità. La flessibilità è indispensabile. Bisogna sapere adattare la propria leadership alle circostanze. David Horth e Charles Palus, due ricercatori del Center for Creative Leadership negli Stati Unti, citano il caso di una società di trasporti e rimorchi che ha messo in atto tre metodi di gestione dell'azienda. Il primo metodo, detto classico, è utilizzato quando il traffico è normale, stabile e prevedibile, Il secondo metodo, detto "jazz", è utilizzato quando le condizioni sono più difficili. Il terzo, detto stile "code", serve a gestire le situazioni di confusione. I due ultimi metodi di gestione introducono una parte d'improvvisazione nel processo decisionale che diventa meno "top down" e si allontana dalle procedure definite in anticipo.
  • Essere attenti. Il capo creativo deve saper individuare una buona idea quando ce l'ha di fronte. Oggi, le aziende hanno spesso tendenza a omettere l'apporto dei dipendenti, preferendo rivolgersi ad agenzie e consulenti esterni. Per evitare questa situazione, bisogna sollecitare quelli che si trovano più vicini al problema e creare un clima che li incoraggi ad esprimersi, a stabilire dei legami tra le loro passioni personali e il lavoro. Lo stesso capo creativo deve adottare tale comportamento.
  • Accettare le critiche. Identificare le idee migliori implica a volte che ci si debba esporre alle critiche. Bisogna rimanere aperti alle proposte di quelli che si oppongono e che rimettono in discussione l'ordine costituito o che vanno contro i propri preconcetti. Una pluralità di prospettive è indispensabile per far nascere la creatività.

Fonte: Creative Leadership: Skills That Drive Change, Marie Mance, Mary Murdock e Gerard Puccio, Sage Publications, 2011.


Abbonati alla nostra Newsletter gratuita per conoscere le ultime novità (iscrizioni in alto a destra).


Informazione

Citazioni sulla creatività

"La creatività richiede coraggio."
Henri Matisse, pittore francese, capofila del movimento fauvismo.


Ultima modifica 24.10.2018

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/consigli-pratici/gestire-una-pmi/creativita/creare-un-clima-creativo/la-leadership-creativa.html