L'organizzazione dello spazio per stimolare la creatività

Le aziende più creative sono spesso quelle i cui collaboratori interagiscono di frequente tra di loro.

Il modo in cui gli spazi di lavoro sono organizzati in un'azienda può influenzare la creatività dei collaboratori. Tom Allen, ricercatore dell'Università di Harvard, ha dimostrato in uno studio che i dipendenti che comunicavano di più con i colleghi erano quelli che producevano il maggior numero d’idee innovative. Questi consultavano tra quattro e nove persone per progetto, rispetto a uno o due per i collaboratori meno fantasiosi.

Il ricercatore ha ugualmente dimostrato che una persona ha dieci volte più probabilità d'interagire col suo vicino di tavola che con un collega seduto a 50 metri da lui. È così giunto alla conclusione che il luogo più propizio alle conversazioni rimane la macchinetta del caffè.

Incoraggiare la vicinanza fisica

Isaac Kohane, un ricercatore della Harvard Medical School, ha condotto uno studio simile: ha esaminato gli effetti della vicinanza fisica tra due scienziati sulla qualità delle loro ricerche, misurata dal numero di citazioni a cui facevano riferimento. Risultato: gli articoli migliori sono comparsi quando i due autori erano seduti a circa due metri l'uno dall'altro. Ciò ha permesso loro di conversare più di frequente e di migliorare così la qualità del loro lavoro.

Questo tipo d'interazione orizzontale può essere incoraggiata mescolando le squadre e sopprimendo le barriere fisiche che impediscono alle discussioni di nascere spontaneamente. La distribuzione spaziale dei collaboratori non deve per forza seguire una logica settoriale o gerarchica: si mescolano gli ingegneri con i designer, si fanno sedere i creativi accanto all'ufficio marketing oppure si mette il capo in mezzo ai suoi dipendenti.

Evitare la deterritorializzazione assoluta

Attenzione però a non cedere alla tentazione della deterritorializzazione assoluta. L'agenzia pubblicitaria TBWA Chiat Day ha esplorato questa strada negli anni novanta: ha eliminato i posti di lavoro attribuiti ad ogni collaboratore per sostituirli con un sistema aperto in cui ciascuno poteva scegliere dove sedersi ogni mattina. L'idea era che i collaboratori si raggruppassero in funzione dei progetti sui quali lavoravano insieme. Ma in pratica, questa organizzazione dello spazio ha scoraggiato le interazioni e i dipendenti non riuscivano mai a trovare la persona che cercavano.

Pensate a un "terzo spazio"

È molto più efficace cercare di suscitare le interazioni in luoghi previsti a questo scopo. Questi luoghi che il sociologo Ray Oldenburg chiama "il terzo spazio", poiché non si tratta né della propria abitazione (il primo spazio), né del luogo di lavoro (il secondo spazio) sono delle versioni rinnovate della macchinetta del caffè.

Lontani da ogni tipo di connotazione affettiva o professionale, questi luoghi permettono ai dipendenti di conversare e di scambiarsi idee in un ambiente rilassante, bevendo un caffè o altro. Si può trattare di un luogo di relax previsto per questo scopo, della mensa dell'azienda, di un bar o...dei bagni. Qualsiasi posto sia, l'importante è che l'azienda incoraggi i collaboratori ad andarci.

Fonti: Imagine: How Creativity Works, Jonah Lehrer, Houghton Mifflin Harcourt.


Abbonati alla nostra Newsletter gratuita per conoscere le ultime novità (iscrizioni in alto a destra).


Ultima modifica 15.10.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/consigli-pratici/gestire-una-pmi/creativita/creare-un-clima-creativo/disposizioni-dei-locali/organizzazione-dello-spazio.html