Assunzioni: le nuove opportunità di internet

Un numero sempre più elevato di società punta su Internet per trovare nuovi collaboratori. Dai siti di offerte di lavoro ai social network, passando dalle pagine web specializzate: zoom su una tendenza in piena evoluzione.

Giovane donna inquadrata dall'alto che consulta internet da un computer portatile appoggiato su di un tavolo accanto ad una tazza di caffè e alcuni faldoni colorati.

"Per più del 90% degli svizzeri, la ricerca di un posto di lavoro si fa su internet", ritiene Matthias Mölleney, direttore del Centro di risorse umane della Scuola superiore di economia di Zurigo. In questo contesto, le società non hanno altra scelta se non quella di utilizzare internet per impiegare del personale. Come fanno a trovare la perla rara che occuperà un posto vacante?

"Tutto dipende dal tipo di posto, ma di solito pubblico gli annunci in parallelo su vari siti di ricerca di lavoro", spiega Joëlle Rossier, direttrice di un ufficio assunzioni nella regione lemanica. Mentre il personale qualificato diminuisce, i reclutatori non esitano ad esplorare le varie possibilità offerte. Jobs.ch, Monster.ch, Jobup.ch: essi utilizzano spesso i siti di offerte di lavoro più frequentati. Patricia Aebi, responsabile del marketing e della comunicazione per Careerplus, un gruppo specializzato nell'impiego di personale, conferma il carattere imprescindibile di questa pratica: "Inizialmente, pubblichiamo le offerte di lavoro sui nostri stessi siti, ma poi interveniamo attivamente sui portali web più importanti di ricerca di lavoro, grazie alla pubblicazione multi-posting degli annunci. "

Oltre ai siti generalisti, da qualche anno assistiamo alla comparsa di siti che vogliono distinguersi specializzandosi in settori precisi. Su modello di Jobwatch.ch che mira al settore dell'orologeria, o Experteer.ch che punta al settore dei quadri superiori. Responsabile di risorse umane in una società di orologeria del Canton Vaud, Claude-Alain Berthoud si serve unicamente di Jobwatch.ch per la ricerca di nuovi talenti. "Il nostro settore è molto specializzato, sottolinea l'esperto. Su un sito generalista, la gente che consulta i nostri annunci è inferiore di due terzi a quella di un altro sito specializzato. Con una pagina web di orologeria, siamo certi di puntare sulle persone giuste."

Tuttavia, l'uso di quest'opzione rimane ancora limitata. Patricia Aebi, del gruppo Careerplus, afferma d'intervenire in modo più puntuale sui portali specializzati. "In generale, abbiamo dei buoni risultati sui portali generalisti di annunci di lavoro", precisa. Secondo Matthias Mölleney, si delineano due soluzioni per il futuro: "O nascerà una moltitudine di nuovi siti specializzati, oppure i grandi siti si suddivideranno in sotto sezioni più adatte a settori ben definiti."

Inoltre, lo specialista osserva un uso crescente dei servizi di social network professionali in rete, come ad esempio Linkedln o de Xing per la ricerca di lavoro. Gli internauti vi pubblicano i loro CV. I recrutatori a loro volta possono consultarli per scovare il candidato ideale. "È un fenomeno molto recente, continua Matthias Mölleney. I responsabili di risorse umane si trasformano in veri e propri cacciatori di teste. L'attuale carenza di personale qualificato aumenterà inevitabilmente e accentuerà questo fenomeno." Secondo le previsioni, la Svizzera andrà incontro fra qualche anno a una carenza di 400'000 impiegati qualificati. "È una cifra molto alta, sottolinea l'esperto. Certamente, alcune aziende note continueranno ad essere sommerse dalle candidature. Ma per le altre, è un vero problema. Consiglio ai responsabili di risorse umane di seguire dei corsi di marketing, poiché dovranno imparare a vendere le qualità della loro società agli eventuali candidati."

Gli annunci cartacei giocano ancora un ruolo importante rispetto a questi mezzi tecnologici fulminei? Secondo una ricerca di Monster Indice Suisse (MIS), nel 2010, il 20,7% dei posti vacanti era ancora pubblicato sui giornali, l'86,8% sui siti delle società e il 69,4% su un sito in rete di annunci di lavoro. Se gli annunci cartacei sono oggi troppo cari per le società più piccole, questi non sono del tutto superati, secondo Matthias Mölleney. Egli pensa in effetti che si tratti di una questione di reputazione: "Certe società pensano ancora che sia importante per la loro immagine passare anche da questo canale." Eppure tutto sembra far pensare che in materia di assunzioni, il futuro sia su internet.


Informazione

Sul tema

Gli svizzeri confidano nei social network

I social network come Linkedln, Twitter o Facebook rappresentano una grande speranza per chi cerca lavoro. Secondo un recente sondaggio di Kelly Services, quasi uno svizzero su quattro si basa su questo tipo di piattaforma per accedere alle offerte di lavoro, mentre fino ad oggi, solo il 2% delle persone intervistate ha già trovato lavoro in questo modo. L'inchiesta sottolinea che sono soprattutto gli uomini e non le donne ad utilizzare questo tipo di media per le loro ricerche. Tuttavia, non si nota alcuna differenza generazionale.

Ultima modifica 02.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/tema-del-mese/2011/assunzioni-le-nuove-opportunita-di-internet.html