Corona: quello che le imprese devono sapere

Immagine di illustrazione del Coronavirus

(update 25.11.2020) Questa pagina viene regolarm ente aggiornata con gli ultimi sviluppi relativi all'epidemia di coronavirus che riguardano le aziende. Presenta inoltre tutte le misure attualmente in vigore per sostenere le PMI svizzere.

 
 
 
 

Panoramica delle attuali misure di sostegno all'economia:

Il Consiglio federale adotta l’ordinanza COVID-19 sui casi di rigore

Nella seduta del 25 novembre 2020 il Consiglio federale ha adottato l’ordinanza che disciplina i dettagli del programma sui casi di rigore di Confederazione e Cantoni. L’avamprogetto è stato adeguato in base ai risultati della procedura di consultazione e agli esiti della consultazione di entrambe le Commissioni dell’economia e dei tributi. L’ordinanza disciplina in particolare la modalità con cui le risorse della Confederazione saranno ripartite fra i Cantoni e le condizioni alle quali le imprese hanno diritto ad aiuti per i casi di rigore.

altri informazioni:

Coronavirus: il Consiglio federale adegua i provvedimenti di sostegno per affrontare la seconda ondata

Nella sua seduta del 18 novembre 2020 il Consiglio federale ha deciso di proporre al Parlamento adeguamenti mirati della legge COVID-19 da sottoporre con urgenza al dibattito parlamentare nella sessione invernale. In tal modo sarà possibile reagire meglio agli sviluppi attuali della seconda ondata della pandemia. La proposta di modifica prevede di incrementare gli aiuti finanziari del programma per i casi di rigore fino a un importo complessivo di 1 miliardo di franchi e di aumentare la quota della Confederazione a circa due terzi. In aggiunta il Consiglio federale propone di estendere le prestazioni nell’ambito del lavoro ridotto. Nel settore dello sport intende sostenere i club di livello professionistico e semiprofessionistico anche con contributi a fondo perduto.

altri informazioni:

Prolungamento del diritto all’indennità di perdita di guadagno anche per i lavoratori indipendenti e le persone in posizione assimilabile a quella di un datore di lavoro indirettamente colpiti

Molti lavoratori indipendenti o in posizione assimilabile a quella di un datore di lavoro continuano o tornano a essere fortemente colpiti dai provvedimenti per combattere il coronavirus, anche se non sono costretti a chiudere la loro impresa. Queste persone potranno continuare a richiedere l’indennità di perdita di guadagno per il coronavirus, dato che con la nuova legge COVID-19 il Parlamento ha prolungato e ampliato questo sostegno. Nella sua seduta del 4 novembre 2020, il Consiglio federale ha adottato le relative modifiche di ordinanza. Il nuovo disciplinamento entra in vigore con effetto retroattivo dal 17 settembre 2020 e ha una durata limitata al 30 giugno 2021.

altri informazioni:

Indennità per lavoro ridotto per i collaboratori su chiamata

Il 28 ottobre 2020 il Consiglio federale ha modificato l'ordinanza COVID-19 assicurazione contro la disoccupazione. In base al nuovo testo i lavoratori su chiamata impiegati a tempo indeterminato hanno diritto all’indennità per lavoro ridotto. La modifica entra retroattivamente in vigore il 1° settembre 2020. Il diritto è limitato al 30 giugno 2021.

altri informazioni:

Coronavirus: indennità per lavoro ridotto per i collaboratori su chiamata

Indennità per lavoro ridotto (ILR)

Il 12 agosto 2020 il Consiglio federale ha deciso di modificare e prolungare la validità dell’ordinanza COVID-19 assicurazione contro la disoccupazione (AD) (v. comunicato stampa). La maggior parte delle misure straordinarie decade e si torna al sistema ordinario di indennità per lavoro ridotto e disoccupazione. Restano invece applicabili fino a fine dicembre 2020 la procedura semplificata per il preannuncio del lavoro ridotto e la procedura sommaria per il conteggio. Le modifiche entrano in vigore il 1° settembre 2020.

altri informazioni :

Moratoria COVID-19

Il Consiglio federale ha introdotto una nuova moratoria temporanea, la cosiddetta moratoria COVID‑19, per le piccole e medie imprese (PMI) con problemi di liquidità a causa della crisi dovuta al coronavirus. Questa misura permette di concedere alle PMI, rapidamente e senza ostacoli burocratici, una moratoria temporanea di tre mesi. In questo modo hanno più tempo per riorganizzare i loro affari e prepararsi al dopo-crisi. La procedura e i requisiti della moratoria sono volutamente semplici affinché il maggior numero di imprese possa beneficiarne.

ulteriori informazioni vedi anche sotto downloads :

 

Nuovo coronavirus: sito web SECO

La SECO ha lanciato un sito web completo "Nuovo coronavirus" incentrato sulle conseguenze economiche della propagazione del coronavirus. Il sito web spiega in dettaglio gli strumenti e delinea i vari approcci delle persone e dei settori interessati, come le imprese, i lavoratori indipendenti, la cultura e lo sport. Maggiori informazioni sono disponibili su questa pagina:

altri informazioni :

Offerte di sostegno da parte del settore privato

Numerose istituzioni, fondazioni e aziende si offrono di aiutare le PMI in difficoltà a causa della crisi del coronavirus fornendo finanziamenti o consulenza.

altri informazioni :


Informazione

SECO Infoline

Conferenza stampa

Ultima modifica 25.11.2020

Inizio pagina

Notizie e informazioni per imprenditori e futuri imprenditori
https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2020/corona-quelllo-che-le-imprese-devono-sapere.html