Una nuova agenzia federale per l’innovazione

Per rappresentare l’idea dell’innovazione, viene illustrata una lampadina dalla quale fuoriescono delle scintille.

(03.01.2018) La nuova agenzia federale per la promozione dell’innovazione Innosuisse è operativa dal 1 gennaio 2018. Essa riprende la missione della Commissione per la tecnologia e l’innovazione CTI: sostenere e rafforzare la capacità d‘innovazione delle PMI. 

Il Consiglio federale ha fissato gli obiettivi strategici del nuovo ente per gli anni compresi tra il 2018 e il 2020, indica il Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca in un comunicato. L’incoraggiamento delle start-up e la messa in atto di cooperazioni sul piano nazionale e internazionale figurano tra le priorità. 

Più in dettaglio, Innosuisse dovrà sostenere in modo prioritario le start-up fondate sulla scienza e la tecnologia. Il suo scopo è di aiutarle a raggiungere una crescita sostenibile e di contribuire in tal modo alla creazione di posti di lavoro sul territorio elvetico. 

Per quanto concerne le cooperazioni, Innosuisse collaborerà con il Fondo nazionale svizzero per sfruttare in maniera più efficace i risultati della ricerca fondamentale. Essa sarà pure legata più saldamente agli attori regionali e cantonali attivi nell’innovazione. Sul piano internazionale, sarà incaricata in particolare di istituire delle collaborazioni con le agenzie di finanziamento estere. 

L’organizzazione e la gestione di Innosuisse si svolgono in maniera autonoma. L’agenzia stessa si occupa della sua contabilità. Il suo consiglio d’amministrazione, nominato a fine 2016, è composto da sette personalità di spicco della scienza e dell’economia. È presieduto da André Kudelski, CEO di Kudelski.


Informazione

Ultima modifica 03.01.2018

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2018/una-nuova-agenzia-federale-per-l-innovazione.html