Nuvole sul mercato svizzero dell’occupazione

Uomo in abiti da ufficio che si ripara con un ombrello nero dalla pioggia e dai lampi che scendono da una nuvola sopra di lui.

(28.12.2016) La Svizzera mostra, per la prima volta in due anni, una previsione netta dell’occupazione (destagionalizzata) negativa. Secondo il barometro Manpower, questa previsione rappresenta -2% per il primo trimestre 2017, dato che equivale ad un crollo annuale di tre punti. 

Mentre i quattro trimestri del 2016 si sono contraddistinti con risultati leggermente positivi e piuttosto stabili, sembra che le numerose incertezze che sorvolano le imprese stiano investendo il morale dei reclutatori, analizza Manpower. Esse temono l’attuazione dell’iniziativa contro l’immigrazione di massa ed anche la riforma dell’imposizione delle imprese. 

Più in dettaglio, due delle sette regioni in esame mostrano una previsione netta d’impiego positiva per i primi tre mesi del 2017. I datori di lavoro più ottimisti sono gli zurighesi (+5%), che presentano un risultato positivo per il quinto trimestre consecutivo. Sul fronte opposto figurano l’Altopiano e la Svizzera centrale (-4%). 

Per quanto concerne i settori d’attività, solo quattro su dieci prevedono un incremento delle assunzioni per il periodo in esame. Con un aumento del 9%, sono il settore alberghiero e la ristorazione a mostrare l’ottimismo più marcato. L’industria estrattiva è invece la meno positiva, con una flessione del 6%. 

Manpower precisa anche che sono le grandi imprese che dovrebbero rivelarsi i reclutatori più dinamici (+8%). Le piccole società vedono invece la loro previsione netta d’impiego diminuire del 2%.


Informazione 

Ultima modifica 28.12.2016

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2016/nuvole-sul-mercato-svizzero-dell-occupazione.html