Il calo della domanda al centro delle inquietudini delle PMI

Sala riunioni con un tavolo attorno cui siedono alcuni uomini e donne in abiti da ufficio con documenti o PC posati davanti a loro e un uomo in piedi a che parla.

(20.01.2016) La domanda in calo, la concorrenza elevata ed i problemi di ordine fiscale: questi sono i tre principali timori dei dirigenti di PMI elvetiche. Secondo un sondaggio realizzato da Zurich, il calo del consumo preoccupa ormai il 42,5% degli imprenditori.

La quota di dirigenti di PMI che si dice poco ottimista rispetto alla domanda proveniente dai consumatori è in aumento del 13% su scala annuale, precisa l’assicurazione. Lo studio, che verte sull’anno 2015, è stato condotto presso 200 piccole e medie imprese con sede in Svizzera.

I responsabili dell’inchiesta reputano che l’origine di questa paura sia da ricercare nella debole inflazione, che immobilizza le prospettive commerciali. Conseguentemente, il ritardo del consumo provoca una flessione del fatturato e ne derivano dei tagli negli investimenti,

Quasi un terzo dei dirigenti interpellati considera la forte concorrenza come uno dei principali rischi per la propria attività professionale. Zurich fa notare che la ragione principale di tale rischio risiede nella forza del franco.

Tra le maggior inquietudini dei responsabili delle società svizzere, al terzo posto figura la fiscalità (16,5%). Il calo d’immagine dell’impresa e la perdita di collaboratori completano le prime cinque posizioni.

Interrogati sulle principali opportunità per la loro impresa, un quarto dei sondati ha risposto la penetrazione di nuovi segmenti di clientela. Gli specialisti dell’assicurazione Zurich confermano l’importanza di una diversificazione della gamma di prodotti, consigliando inoltre alle PMI svizzere di mantenere uno standard di qualità elevato.


Informazione

Ultima modifica 20.01.2016

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2016/calo-della-domando-al-centro-delle-inquietudini-delle-pmi.html