Il settore della costruzione rialza la testa

Immagine in 3D di una casa in costruzione con operai al lavoro, disposta sopra ai suoi piani di progetto, con accanto altri rotoli di progetti.

(02.12.2015) Dopo aver registrato entrate in calo per cinque trimestri consecutivi, il settore della costruzione rialza la testa. Secondo l’indice ad hoc, un incremento delle vendite – corretto delle variazioni stagionali – del 2,1% è atteso per il quarto trimestre.

L’indicatore, stabilito dalla Società svizzera degli imprenditori (SSI) e Credit Suisse, continua però a mostrare cifre d’affari in calo rispetto allo stesso periodo del 2014 (-4,2%). I suoi autori prevedono inoltre un anno globalmente molto meno propizio rispetto al precedente.

Secondo gli esperti della SSI e di Credit Suisse, il ramo ha comunque raggiunto una soglia minima. Infatti, nell’attuale contesto di tassi negativi, gli investitori locali scelgono più facilmente il mattone. Di conseguenza, le attività di costruzione dovrebbero diventare più dinamiche e le vendite si dovrebbero stabilizzare.

I responsabili dell’indice svizzero della costruzione mettono in evidenza un altro fattore che dovrebbe sostenere il settore: le nuove misure di ammorbidimento monetario anticipate dalla Banca centrale europea. Senza dimenticare il timido miglioramento del Prodotto interno lordo atteso per il 2016 in Svizzera.

Il miglioramento osservato su scala semestrale interessa sia la costruzione che il genio civile. Infatti, il sotto-indicatore della costruzione mostra una crescita dell’1,9% rispetto al periodo luglio-agosto-settembre 2015. È la costruzione abitativa ad essere il motore trainante di questo aumento (+2,5%).

Nel genio civile, la progressione è ancora più marcata (2,4%). Credit Suisse e la SSI precisano che in questo settore le riserve di lavoro continuano ad essere elevate se si effettua un paragone a lungo termine.

Informazione

Ultima modifica 02.12.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2015/settore-della-costruzione-rialza-la-testa.html