I prezzi in aumento al mese di marzo

Codice a barre.

(15.04.2015) I prezzi al consumo in Svizzera sono aumentati in marzo, dopo diversi mesi al ribasso. L’indice è cresciuto dello 0,3% rispetto al mese precedente, a 98,2 punti (dicembre 2010=100), secondo l’Ufficio federale di statistica (UST). Il rincaro annuale si stabilisce a -0,9%.

I prezzi sono rincarati rispetto al mese di febbraio principalmente a causa della fine dei saldi nel settore dell’abbigliamento e del aumento della benzina, del diesel, dell’olio da riscaldamento e dei viaggi forfetari. Al contrario, i prezzi delle automobili e di diversi generi alimentari sono diminuiti.

Più in dettaglio, le maggiorazioni hanno toccato gli indici dei gruppi principali indumenti e calzature (+6,1%), bevande alcoliche e tabacchi (+0,9%), mobili, articoli e servizi per la casa (+0,6%), tempo libero e cultura (+0,4%), altri beni e servizi (+0,2%), abitazione ed energia (+0,2%) e ristoranti e alberghi (+0,1%).

I prezzi dei gruppi prodotti alimentari e bevande analcoliche (-0,3%) e comunicazioni (-0,1%) sono invece in calo. Gli indici dei gruppi principali trasporti e sanità, invece, sono rimasti complessivamente invariati. Per quanto concerne i trasporti, gli incrementi marcati della benzina (+5,5%) e del diesel (+5,1%) sono stati compensati dai cali delle automobili d’occasione, dalle automobili nuove e dei trasporti aerei. Nessun rilevamento è stato condotto nel settore dell’insegnamento.

I prodotti indigeni hanno mostrato prezzi stabili su scala annuale, mentre quelli importati hanno fatto segnare un rincaro dell’1,4%. Su scala annuale, i prezzi dei prodotti indigeni sono aumentati dello 0,3% e quelli dei prodotti importati sono diminuiti del 4,3%.


Informazione

Ultima modifica 08.10.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2015/prezzi-aumento-marzo.html