Sempre più PMI romande supportate nei crediti nel 2014

Primo piano su una mano aperta piena di monete.

(10.06.2015) Il numero di piccole e medie imprese romande che hanno tratto vantaggio da un accesso facilitato al credito bancario è fortemente aumentato lo scorso anno. Secondo Cautionnement romand, gli aiuti hanno interessato 230 PMI nel 2014, dato che rappresenta un incremento annuale del 22%.

In totale, i crediti concessi nei cantoni di Friborgo, Ginevra, Neuchâtel, Vaud e Vallese ammontavano a CHF 40,6 milioni. Essi concernevano progetti per un ammontare di CHF 108 milioni, precisa la struttura con sede a Pully (VD).

Non meno di un terzo degli aiuti accordati concernono delle riscossioni d’impresa. Cautionnement romand ricorda che la trasmissione di società genera dei costi d’istallazione sempre più importanti. Anche il prezzo d’acquisizione delle PMI tende a salire.

Il solo cantone di Neuchâtel ha generato durante l’anno in esame più di un quinto dei beneficiari di fideiussioni. In questo cantone, il numero di società sostenute è esploso rispetto al 2013 (+125%). La metà dei casi concerneva dei trapassi di PMI.

Cautionnement romand spiega come la crescita delle domande registrate attraverso le sue cinque antenne cantonali si iscriva in un contesto economico reso delicato dalla forza della moneta elvetica, così come dalla prudenza delle banche in fatto di crediti. Gli istituti finanziari impongono in particolare alle imprese dei vincoli regolamentari sempre più pesanti.

Riconosciuta dal 2007 dalla Confederazione, la struttura ha già permesso a 1'631 società di approfittare di crediti agevolati. Da allora sono stati creati o conservati 11'253 posti di lavoro, mentre altri progetti stimati a CHF 800 milioni sono stati condotti a termine.


Informazione

Ultima modifica 08.10.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2015/pmi-romande-crediti-2014.html