Il morale delle PMI è in calo

Un uomo con alcuni documenti in mano si infila un paio di occhiali e siede di fronte a una donna inquadrata parzialmente in scorcio.

(16.09.2015) Senza sorprese, l’apprezzamento della moneta elvetica sta pesando sul morale dei dirigenti delle PMI. Secondo un’inchiesta condotta da Credit Suisse, la valutazione della piazza economica nazionale da parte delle piccole e medie società si è leggermente deteriorata su scala annuale.

Globalmente, i quasi 900 imprenditori interpellati reputano che la Svizzera presenti ancora delle condizioni quadro favorevoli. Ciononostante, secondo loro l’interdipendenza con l’estero, così come le regolamentazioni troppo pesanti, mettono a rischio il buon andamento degli affari.

Interrogate più specificamente sull’importanza degli investimenti effettuati durante il periodo compreso tra il 2009 ed il 2014, le PMI hanno risposto di avervi dedicato il 10% del loro fatturato. Solo il 10% delle imprese afferma di non aver effettuato alcun investimento.

Tra i campioni degli investimenti figurano coloro i quali sono attivi nel settore dei servizi (con il 16% della cifra d’affari) e dell’industria di punta (10%). Sul fronte opposto si trovano il commercio, il quale vi ha consacrato il 5% soltanto del prodotto delle vendite.

È l’immobiliare ad aver costituito il settore d’investimento più regolare durante i cinque anni in esame, con il 47% del totale. Seguono i beni strumentali (42%). Al contrario, poche società (6%) hanno investito all’estero.

Raffreddata dalla forza del franco, un’impresa su cinque subisce un calo dei suoi investimenti per il futuro. Nell’industria di punta, questa percentuale sale al 44%.

Sempre a causa del tasso di cambio tra franco ed euro, lo studio rivela che quattro dirigenti d’impresa su dieci temono una flessione delle proprie entrate e dei loro margini per il 2015. Sono il 30% a prevedere una diminuzione della competitività.


Informazione

Ultima modifica 10.10.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2015/morale-pmi-calo.html