Gli Svizzeri sono più motivati a diventare autonomi

Ritratto di due uomini sorridenti seduti a un tavolo sul quale c'è un laptop aperto e un classatore.

(06.08.2014) Cresce il numero degli Svizzeri tentati dall'indipendenza professionale. Secondo Bisnode, il numero di nuove imprese iscritte al registro del commercio durante il primo semestre 2014 è cresciuto del 5% su ritmo annuo, a raggiungere 21'206.

A fine giugno, l'indice delle creazioni di società messo a punto da Bisnode e l'Istituto per le giovani imprese (IFJ) si attestava a 106,7. Questo valore è, per il terzo trimestre consecutivo, molto più alto rispetto alla media degli anni dal 2011 al 2013. Per tutto l'anno in corso, si attendono in totale più di 41'000 iscrizioni al registro del commercio.

Il numero di autonomi, durante il periodo in esame, è cresciuto più fortemente nella regione zurighese (+10%, a 3'697 unità). Anche in Ticino il dinamismo della creazione d'imprese è risultato rallegrante (+8%, a 1'730 unità). Inversamente, l'ovest della Svizzera ha vissuto un rallentamento dell' 1%, a 2'641.

A livello di cantoni, Lucerna rappresenta quello in cui il maggior numero di lavoratori si è lanciato nell'indipendenza professionale tra gennaio e giugno (+16%, a 954). Nel canton Obvaldo, al contrario, il numero di creazioni d'imprese è precipitato del 25%, a 96.

Per quanto riguarda i settori di attività con la progressione maggiore, Bisnode cita in particolare i servizi alle imprese, il commercio all'ingrosso, il settore alberghiero e della ristorazione, così come l'industria tessile e dell'abbigliamento. I settori che hanno in minor modo motivato gli Svizzeri a diventare autonomi sono la finanza e le assicurazioni, il settore tipografico ed editoriale, così come quello della costruzione meccanica.


Informazione

Ultima modifica 07.10.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2014/svizzeri-motivati-diventare-autonomi.html