La previdenza professionale è ben vista nelle imprese

Piano ravvicinato di due faldoni posati su una scrivania con le scritte, rispettivamente, prévoyance e retraite.

(05.11.2014) Le imprese svizzere reputano che la previdenza professionale sia un fattore dinamizzante per l’economia nazionale. Secondo un’inchiesta condotta dalla società d’audit e di consulenza Ernst & Young (EY), la LPP è considerata come un atout per attrarre nuovi collaboratori.

Il sondaggio è stato condotto durante l’estate del 2014 presso un centinaio di quadri attivi nei servizi finanziari e del personale di imprese di svariate grandezze. Si tratta del primo studio di questo tipo condotto in Svizzera.

Per la gran parte delle persone interpellate (89%), la previdenza professionale contribuisce all’attrattività della piazza economica svizzera. Quasi altrettanti intervistati (80%) sono del parere che le prestazioni delle casse pensione rivestano un ruolo importante al momento dell’assunzione di nuovi talenti.

Certamente, i partecipanti allo studio hanno pure sottolineato alcuni inconvenienti: per la metà di questi, la previdenza professionale genera un carico fiscale ed amministrativo importante. Solo il 13% dei responsabili vede queste spese come uno svantaggio per la propria impresa su scala internazionale.

Di conseguenza, l’interesse a fornire prestazioni sovraobbligatorie è vivo. Non meno del 54% degli interpellati reputa che la propria società risentirebbe di svantaggi concorrenziali se non proponesse un regime di previdenza più generoso rispetto a quanto imposto nella LPP (legge sulla previdenza professionale). Inoltre, solo una piccola maggioranza di questi afferma di essere favorevole ad una liberalizzazione della previdenza sovraobbligatoria.


Informazione

Ultima modifica 08.10.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2014/previdenza-professionale-vista-imprese.html