Le PMI esportatrici molto ottimiste

Primo piano su un uomo intento a consultare una lista che tiene in mano. Sullo sfondo s'intravede un grande deposito con scaffali pieni di scatole di cartone e due persone che parlano tra di loro.

(23.07.2014) Le PMI svizzere che fanno affari al di fuori dalle frontiere hanno iniziato il terzo trimestre 2014 con ottimismo. L’indicatore export stabilito da Switzerland Global Enterprise (S-GE) raggiunge 65,3 punti, un valore che supera largamente la soglia di crescita di 50 punti.

Il barometro di S-GE prende in considerazione le aspettative per i tre mesi a venire di 200 piccole e medie società interpellate. Si basa inoltre sulle vendite all’estero effettivamente realizzate durante il trimestre precedente. Dalla sua ultima edizione si evince che l’ottimismo è palpabile un tutti i settori d’attività.

Per quanto concerne le destinazioni delle esportazioni per i prossimi sei mesi, più di nove PMI sondate su dieci hanno indicato l’Europa nella loro lista. La Germania si piazza sempre in testa ai paesi che più richiedono prodotti e servizi elvetici: l’80% delle società prevede infatti di realizzarvi delle vendite.

Oltre al Vecchio continente, gli imprenditori svizzeri si aspettano di esplorare nell’Asia-Pacifico (53%), in Nord America (46%), così come nel Medio Oriente ed Africa (26%). Al contrario, solo il 21% delle PMI prevede di fare affari con il Sud America.

Come l’indicatore di S-GE, il barometro delle esportazioni di Credit Suisse mette l’accento sul buon momento per le vendite elvetiche all’estero. Il suo valore, che traduce la domanda estera di prodotti svizzeri, raggiunge 1,13. Una cifra certamente in calo ma comunque di molto superiore alla soglia di crescita (0) ed alla media a lungo termine (1).


Informazione

Ultima modifica 07.10.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2014/pmi-esportatrici-molto-ottimiste.html