Balzo avanti delle esportazioni svizzere nel primo semestre

Immagine di un grande deposito industriale pieno di scaffali colmi di scatole di cartone.

(13.08.2014) Le imprese svizzere hanno smaltito oltre frontiera una maggior quantità di beni nel primo semestre 2014 rispetto al medesimo dello scorso anno. Secondo l’Amministrazione federale delle dogane (AFD), le esportazioni sono progredite del 2,7% in valore nominale, a raggiungere CHF 102,854 miliardi.

Sette  delle dieci principali categorie esportatrici hanno vissuto un balzo avanti delle loro vendite all’estero durante il periodo in esame. Il trofeo della progressione è stato aggiudicato del settore bigiotteria e gioielleria, con un aumento del 9,9%.

L’AFD precisa ad ogni modo che questo forte miglioramento deriva unicamente dell’effetto prezzo, che si attesta al +24%. Se si tiene conto della totalità delle categorie, i prezzi dei beni esportati si sono invece leggermente contratti (-0,2%).

Pilastro delle vendite oltre confine, l’industria chimico farmaceutica ha realizzato una crescita del 4,4% durante i primi sei mesi dell’anno. I proventi dei prodotti immunologici sono, in particolare, aumentati del 9%, contro il 7% per quanto riguarda i principi attivi.

Nell’industria delle materie plastiche è stato registrato un aumento del 4,2%, cioè maggiore di quello osservato nel settore dell’orologeria (3%), nell’industria metallurgica (2,6%), nell’industria metalmeccanica ed elettronica (1,1%) e nel settore delle derrate alimentari, delle bibite e del tabacco (0,1%).

In fondo alla classifica, l’industria della carta e delle arti grafiche ha accusato un forte colpo (-4,3%), contro -2,1% per gli strumenti di precisione e -1,2% per i tessili, l’abbigliamento e le calzature.

Per quanto riguarda le destinazioni, le esportazioni sono aumentate verso tutti i continenti, ad eccezione dell’America latina (-2%). Mentre la domanda africana aumentava dell’8%, quella del Nord America cresceva del 4%.

In Europa, l’aumento delle esportazioni ha raggiunto il 3%, sostenuto principalmente da Irlanda (36%), Regno Unito (19%), Belgio (8%), Spagna (6%) e Francia (4%). Le vendite in Asia sono invece cresciute del 2%.


Informazione

Ultima modifica 07.10.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2014/esportazioni-svizzere-primo-semestre.html