L’ottimismo degli imprenditori svizzeri in calo

All'interno di un magazzino una giovane donna in primo piano tiene in mano dei documenti mentre un uomo in gilet ed elmetto protettivo lavora alle sue spalle .

(21.08.2013) L'ottimismo degli imprenditori svizzeri, di cui il morale è leggermente migliorato in primavera, è nuovamente in calo. Dopo due mesi di crescita, l'indicatore dell'andamento degli affari nel settore privato, pubblicato dal KOF, è in calo in luglio.

Per il prossimo semestre, i dirigenti delle 6'000 imprese interpellate restano fiduciosi, anche se mostrano una maggior moderazione su scala mensile. Le assunzioni previste subiscono inoltre una leggera flessione.

La situazione degli affari nell'industria è rimasta insoddisfacente in luglio, come era già risultato un mese prima. Gli ordini in entrata sono diminuiti e le capacità di produzione tecniche sono spesso giudicate in eccedenza.

Per i sei mesi futuri, gli imprenditori di questo settore anticipano un leggero miglioramento delle opportunità per l'esportazione ed intendono incrementare la produzione. Considerando gli effettivi come troppo elevati, le società prevedono di realizzare dei risparmi a livello di personale.

I dettaglianti sono dal canto loro ancor meno contenti dell'andamento dei loro affari rispetto a giugno. Da un anno all'altro, la frequentazione della clientela è calata e la situazione beneficiaria ne ha risentito. Malgrado collaboratori ritenuti troppo numerosi, il ramo esportatore mostra un leggero incremento degli effettivi.

Sul fronte della costruzione, il KOF riscontra invece un miglioramento della situazione degli affari. Le strutture e le macchine sono state usate di più e la riserva di lavoro relativa alle ordinazioni è cresciuta. Ciononostante gli imprenditori non si aspettano un proseguimento dell'incremento della domanda.


Informazione

Ultima modifica 10.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2013/ottimismo-imprenditori-svizzeri-calo.html