Lenta ripresa per le PMI industriali

Primo piano di un macchinario con, sullo sfondo, un uomo che esegue calcoli su di una lavagna.

(19.06.2013) Le piccole e medie imprese industriali costatano una lenta ripresa degli affari. Secondo il barometro UBS delle PMI, l'indice è passato dai -1,1 punti di gennaio a -0,4 punti di aprile, andando a colmare parzialmente il fossato con la media a lungo termine (0,27 punti).

Le grandi imprese hanno invece quasi raggiunto la stabilità: il loro indice si avvicina infatti allo zero (-0,07 punti), per una media a lungo termine di 0,22 punti. Globalmente, l'ambiente economico rimane comunque delicato per tutti i tipi di società.

Nel settore della costruzione, sia le PMI che le grandi imprese si aspettano un arresto del calo dei prezzi per il secondo trimestre. Ma se le prime creano posti di lavoro, le seconde restano ancora prudenti in fatto di assunzioni. Il barometro mostra inoltre che gli studi di architettura e di ingegneria anticipano un aumento vertiginoso della domanda.

Sul fronte dei servizi, le grandi imprese dovrebbero vivere un miglioramento più marcato rispetto alle piccole e medie imprese. Queste ultime stanno subendo una stagnazione della domanda, così come un deterioramento dei guadagni.

La ripresa costatata al primo trimestre nel settore turistico non dovrebbe protrarsi. Per le PMI attive ne ramo, così come per le grandi imprese, gli indicatori tendono al ribasso. Nel mercato al dettaglio, per contro, le società anticipano scenari diversi a seconda della loro grandezza: le PMI puntano su un futuro nettamente meno pessimista rispetto alle grandi imprese.

Il barometro UBS delle PMI è calcolato sulla base dei risultati dell'inchiesta KOF presso imprese dell'industria (costruzione esclusa). Sono considerate come PMI le società che impiegano fino a 200 persone.


Informazione

Ultima modifica 10.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2013/lenta-ripresa-per-pmi-industriali.html