Incremento del numero delle donne che lavorano

Giovane donna in abiti da ufficio, dietro cui un gruppo di persone discute attorno a un tavolo.

(13.03.2013) Le donne che lavorano in Svizzera sono sempre più numerose, pur occupando per la maggior parte posti a tempo parziale. Secondo l'Ufficio federale di statistica (UST), il tasso d'attività delle donne tra i 15 ed i 64 anni ha raggiunto il 76,7% nel 2011, contro il 68,2% del 1991.

Sei donne attive occupate su dieci hanno lavorato a tempo parziale nel 2011, contro cinque su sei nel 1991. Il tempo parziale ha pure guadagnato terreno tra gli uomini, passando dal 7,8% del 1991 al 13,6% del 2011. In generale, il tasso d'attività degli uomini è passato dal 91,1% del 1991 all'88,7% del 2011.

La proporzione di donne che possiedono un titolo di una scuola universitaria ha avuto un folgorante aumento, salendo dal 9% del 1999 al 21,7% del 2011. Il numero di uomini che ha seguito lo stesso tipo di studi è anch'esso aumentato ma in maniera più modesta, passando dal 20,1% del 1999 al 27,6% del 2011.

Al contrario, la scelta dei curriculum varia ancora fortemente tra uomini e donne: gli uomini continuano a frequentare prioritariamente filiere come l'ingegneria, la costruzione o l'informatica, mentre le donne prediligono i settori della sanità, delle scienze umane ed anche dell'insegnamento. Anche se il numero di donne è progredito nelle formazioni tipicamente maschili, non si è però verificato l'inverso.

La parte di donne della popolazione attiva che occupa una posizione dirigenziale - all'incirca un terzo nel 2011 - è invece rimasta pressoché invariata dal 1996. Infine, l'UST indica che il 76% delle vittime di violenza domestica, che costituiscono il 38% delle infrazioni di violenza, sono state delle donne nel 2001.


Informazione

Ultima modifica 10.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2013/incremento-numero-donne-lavorano.html