Gli svizzeri tornano a soggiornare in hotel

Primo piano di un vassoio con cibo e bevande.

(06.02.2013) Il consumo medio delle famiglie in Svizzera ha fatto registrare un incremento nel dicembre 2012 rispetto al mese precedente. Trainato dall'aumento dei pernottamenti in hotel da parte di residenti svizzeri, l'indicatore UBS del consumo è salito da 1,23 a 1,34 punti.

La frequentazione degli hotel da parte di residenti svizzeri evolve secondo una tendenza leggermente positiva dall'autunno 2012, dopo aver subito un calo del 2% dall'apprezzamento del franco nel 2008. Questa domanda in aumento nel settore alberghiero compensa al mese di dicembre la cattiva situazione nel commercio al dettaglio, che stagna ad un livello relativamente basso.

Dietro alla tendenza generale al calo del consumo alberghiero degli ultimi anni si possono individuare grandi differenze a seconda delle stagioni. Infatti, dal 2008, il numero di pernottamenti per le vacanze invernali è rimasto stabile, mentre gli svizzeri hanno preferito passare le loro vacanze estive all'estero, dove il loro potere d'acquisto è aumentato.

Altro pilastro dell'indicatore del consumo UBS, le immatricolazioni di nuove autovetture hanno continuato ad aumentare al mese di dicembre. Con 328'000 nuove immatricolazioni, l'anno 2012 si piazza così al 2° posto dopo il record di vendite d'automobili risalente al 1989, ovvero 335'000 nuove immatricolazioni.

L'aumento delle vendite di nuovi veicoli degli ultimi anni è dovuto principalmente alla rivalutazione del franco. Con l'importazione di automobili meno care ed i concessionari svizzeri costretti a proporre prezzi competitivi, i prezzi delle automobili sono diminuiti quasi del 15% in due anni.


Informazione

Ultima modifica 10.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2013/gli-svizzeri-tornano-soggiornare-in-hotel.html