Diminuzione del consumo di carne nel 2012

Tavola in legno sulla quale sono posati diversi pezzi di carne e affettati e delle spezie.

(10.04.2013) Il consumo di carne in Svizzera è diminuito per la prima volta dopo tre anni nel 2012. Secondo l'organizzazione Proviande è diminuita del 2,3% raggiungendo 421'018 tonnellate. Ha comunque superato del 3,4% la media degli ultimi dieci anni.

Tenendo conto della crescita demografica, il consumo di carne per abitante è diminuito in Svizzera del 3,4% nel 2012, passando a 51,72 kg di media. Se i nuclei famigliari privati hanno mangiato più carne nel 2012, la quantità consumata fuori casa è diminuita.

La quantità indigena di carne consumata è aumentata dell'1,2% nel 2012, per raggiungere l' 81,3%. Globalmente, nel 2012 sono state prodotte in Svizzera 321'145 tonnellate di carne. La produzione indigena di carne di cavallo (+9,8%), di pollame (+4,4%), di capra (+1,4%) e di manzo (+0,5%) è aumentata. È invece diminuita quella delle carni di vitello, di maiale e di agnello.

La carne preferita dagli svizzeri resta il maiale, che rappresenta quasi la metà del consumo totale di carne per abitante (23,54 kg). Inseguito troviamo il pollame (11,31 kg), poi la carne di manzo (11,06 kg). La diminuzione del consumo nel 2012 ha toccato tutti i tipi di carne, compresi pesci e crostacei. Il pollame ha registrato la diminuzione minore (-0,7% per abitante).

Proviande rileva differenze nei consumi tra Svizzera tedesca e Svizzera romanda. In particolare gli svizzeri tedeschi consumano più maiale, mentre i romandi preferiscono il pollame. Inoltre gli svizzeri tedeschi mangiano più salsicce ed affettati rispetto ai romandi.


Informazione

Ultima modifica 10.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2013/diminuzione-consumo-carne-nel-2012.html