Il commercio estero si intorpidisce nel primo semestre

All'interno di un deposito di merci impacchettate un impiegato e un magazziniere discutono indicando fuori campo.

(31.07.2013) Le esportazioni svizzere non hanno brillato per il loro vigore nel primo semestre. Secondo le cifre dell'Amministrazione federale delle dogane (AFD), le vendite al di fuori delle frontiere sono aumentate solo dello 0,4% su ritmo annuo, per raggiungere CHF 100,3 miliardi.

Tuttavia, circa la metà dei settori ha registrato un rialzo delle esportazioni tra gennaio e giugno. La progressione più marcata concerne le derrate alimentari, bibite e tabacchi (+9,6%). Una schiarita del 3,9% è stata costatata per quanto riguarda l'industria chimica e farmaceutica, mentre nell'orologeria la crescita è stata timida (+0,8%).

La maggiore diminuzione degli introiti realizzati all'estero si situa nell'industria della carta e delle arti grafiche (-4,6%). L'industria dei macchinari e dell'elettronica ha dal canto suo indietreggiato del 4,2%. Si tratta del quarto semestre di flessione consecutivo per questo settore.

Per quanto riguarda la ripartizione geografica delle esportazioni, l'AFD costata che la crescita delle vendite verso l'America (+6%) ha permesso di compensare la diminuzione della domanda negli altri continenti. Le società svizzere hanno smaltito il 13% di esportazioni in più verso il Canada, rispettivamente del 5% in più verso gli Stati Uniti, in rapporto al primo semestre 2012. In Argentina, gli introiti sono aumentati del 36%, contro l' 1% in Brasile e Messico.

In media, i paesi asiatici hanno comprato l' 1% in meno dell'anno precedente. La diminuzione è particolarmente netta in India (-12%), Hong Kong (-9%) e Giappone (-8%), mentre la Cina è in rialzo del 2%. Per quanto riguarda Corea del Sud e Singapore, mostrano dei rialzi del 10% e 9%. Anche in Europa le esportazioni elvetiche hanno registrato una flessione dell' 1%. La Germania ha avuto un grande peso, con una diminuzione del 6%.

Per quanto concerne le importazioni, l'AFD registra una diminuzione globale dello 0,6%, a CHF 87,9 miliardi. Quanto alla bilancia commerciale, chiude il semestre con un eccedente da record (CHF 12,3 miliardi).


Informazione

Ultima modifica 10.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2013/commercio-estero-intorpidisce-primo-semestre.html