Quadri dirigenti: salari minimi per le donne

Primo piano di una donna sorridente in abiti da ufficio e in secondo piano due uomini che lavorano davanti a un computer.

(14.03.2012) La differenza salariale tra i quadri uomini e le donne in Svizzera non è ingente come nei paesi vicini. Secondo un'inchiesta condotta da Mercer, ammonta al 7%, contro una media del 22% in Europa.

Nell'Europa occidentale le disparità tra uomini e donne che occupano funzioni dirigenziali sono più importanti in Germania, con una differenza che ammonta al 22%, bonus e premi inclusi. Seguono l'Austria (20%), la Svezia (19%), la Spagna e la Grecia (18%), la Francia ed i Paesi Bassi (14%).

L'inchiesta ha pure analizzato sei paesi del Medio-oriente e dell'Africa. Ne risulta che i salari delle donne dirigenti sono del 15% inferiori in Marocco, del 12% negli Emirati Arabi uniti e raggiungono il 38% nel Qatar. Al contrario, le donne dirigenti guadagnano il 5% in più in Bulgaria ed il 3% in Russia.

Condotta presso 264'000 quadri superiori e dirigenti in 41 paesi europei, l'inchiesta mette anche in evidenza il fatto che la differenza è maggiore nel momento in cui si supera lo statuto di quadro superiore e si approda al ruolo di quadro dirigente.

Secondo gli specialisti di Mercer, la discriminazione dovuta al genere non è la prima ragione che spiega le differenze salariali. Altri fattori possono essere messi in evidenza, come la natura delle funzioni, l'anzianità o l'esperienza. Molte donne sono costrette a lavorare a tempo parziale o ad interrompere temporaneamente la loro attività professionale per ragioni famigliari, con un impatto innegabile sulla loro presenza tra i posti dirigenziali.


Informazione

Ultima modifica 09.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2012/quadri-dirigenti-salari-minimi-donne.html