Il petrolio fa aumentare leggermente i prezzi in Svizzera

Impianto industriale con silos e tubature su sfondo di cielo blu.

(24.10.2012) L'indice dei prezzi alla produzione e all'importazione dell'Ufficio federale di statistica (UST) è aumentato in settembre dello 0,3% rispetto al mese precedente. Questo incremento deriva principalmente del rincaro del petrolio e dei prodotti petroliferi.

L'indice dell'UST ha così raggiunto 98,7 punti al mese di settembre (dicembre 2010 rappresenta la base di 100 punti). Rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso, i prezzi dell'offerta totale dei prodotti importati e dei prodotti svizzeri sono anch'essi aumentati dello 0,3%.

L'indice dei prezzi alla produzione ha avuto un debole incremento dello 0,1% rispetto al mese di agosto, andando a raggiungere 98,8 punti. I bovini da macello, i prodotti petroliferi, i metalli, il latte crudo e la carne di manzo e di vitello hanno subito gli aumenti di prezzo più forti in settembre. Su scala annuale, l'incremento dei prezzi alla produzione ammonta allo 0,4%.

L'indice dei prezzi all'importazione ha invece fatto registrare una progressione marcata. Infatti, in settembre è cresciuto dello 0,8% rispetto al mese precedente e si situa ormai a 98,3 punti. Su scala annuale invece l'aumento è dello 0,1% soltanto. Rispetto al mese precedente, sono i prezzi del petrolio greggio, del gas naturale, dei prodotti petroliferi e dell'acciaio d'armatura che sono cresciuti maggiormente. Al contrario, sono diminuiti quelli del caffè greggio, dell'abbigliamento, di fili e cavi elettrici, dei pomodori e dell'acciaio fino e dei metalli non ferrosi.


Informazione

Ultima modifica 10.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2012/petrolio-aumentare-leggermente-prezzi-svizzera.html