Leggero calo dei prezzi dovuto ai saldi invernali

Interno con stand di abiti e una commessa la cui testa è nascosta da un cartello con la scritta sale.

(22.02.2012) L'indice dei prezzi al consumo è diminuito dello 0,4% nel gennaio 2012, andando a raggiungere 98,9 punti, secondo l'Ufficio federale di statistica (UST). Questo calo è dovuto in gran parte ai saldi che hanno avuto luogo nel settore dell'abbigliamento.

Paragonato all'anno precedente, il rincaro ammonta a -0,8%, leggermente al di sotto del valore di dicembre 2011 (-0,7%). Nel gennaio 2011 ammontava a 0,3%. Oltre ai saldi invernali, anche delle offerte promozionali di viaggio ed una diminuzione dei costi dell'elettricità possono aver influenzato la diminuzione dell'indice svizzero dei prezzi al consumo.

Secondo i dati dell'UST, i settori dell'abbigliamento e delle calzature (-10%), degli articoli e servizi per la casa (-1,6%), del tempo libero e cultura (-1,0%) ed anche dell'abitazione e energia (-0,2%) hanno tutti fatto registrare una flessione dei prezzi.

Al contrario, certi settori hanno visto il loro indice aumentare: i ristoranti e alberghi (+1,0%), le bevande alcoliche e tabacchi (+0.9%), i prodotti alimentari e bevande analcoliche (+0,6%), i trasporti (+0,1%) ed anche altri beni e servizi (+0,3%). L'incremento in quest'ultimo settore è dovuto anche al rincaro dei premi delle casse malati.

I prezzi dei prodotti indigeni sono aumentati dello 0,1% rispetto al dicembre 2011 e dello stesso valore su scala annuale. I prezzi dei prodotti importati sono invece diminuiti dell'1,8% in gennaio e del 3,2% su scala annuale.


Informazione

Ultima modifica 09.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2012/leggero-calo-dei-prezzi-dovuto-ai-saldi-invernali.html