La situazione economica inquieta i direttori finanziari

Uomo di profilo in abiti da ufficio che, con gli occhi chiusi, tiene una mano sulla fronte con fare preoccupato.

(19.10.2011) Per la prima volta in due anni, la maggior parte dei direttori finanziari (CFO) delle imprese svizzere si mostrano inquieti rispetto all'evoluzione dell'economia elvetica. In un sondaggio realizzato dalla società di audit Deloitte, al 3° trimestre 2011, il 66% dei CFO interpellati prevede un netto degrado delle prospettive congiunturali nel corso dei prossimi 12 mesi, contro soltanto il 15% del trimestre precedente.

Il tasso di CFO che si dichiarano ottimisti per il futuro è invece passato dal 58% del 2° trimestre a soltanto il 10% al 3° trimestre 2011. Un anno fa, ammontavano al 65%. Un po' meno della metà dei direttori finanziari (45%) ha inoltre dichiarato di aspettarsi che l'economia elvetica cada nella recessione nel corso dei prossimi due anni.

Questo clima di tensione si fa sentire anche tra le imprese. Infatti, il 52% dei 94 CFO interpellati nel corso del sondaggio dichiara di aspettarsi prospettive finanziarie negative per la propria società nel 3° trimestre 2011, contro il 27% del trimestre precedente ed il 17% del 3° trimestre 2010.

Questo degrado immediato ed inatteso della fiducia dei CFO verso le prospettive congiunturali delle Svizzera è la conseguenza di diversi elementi. Secondo Deloitte, il vigore della moneta elvetica, la crisi del debito che sta colpendo l'Unione europea e l'agitazione dei mercati finanziari internazionali preoccupano in particolare i responsabili delle finanze.


Informazione

Ultima modifica 09.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2011/situazione-economica-inquieta-direttori-finanziari.html