Regressione dell’industria alberghiera nell’estate del 2011

Stanza di albergo con una cameriera in divisa e grembiule.

(14.12.2011) Le attività degli alberghi svizzeri sono peggiorate durante la stagione turistica estiva del 2011 rispetto all'anno scorso. Il numero totale dei pernottamenti è diminuito del 2,7%, raggiungendo 19,7 milioni, secondo l'Ufficio federale di statistica (UFS). La forza del franco svizzero rappresenta sicuramente una delle principali ragioni di questo regresso.

Solo il mese di giugno ha registrato un aumento dei pernottamenti (+2,8%) rispetto al 2010. Nel corso dell'estate, il numero di visitatori stranieri è diminuito del 4,1%, passando a 11,1 milioni. I turisti europei hanno registrato ancora una volta la più forte diminuzione (-8,6%) seguiti dagli americani (-1,3%). L'Asia ha avuto un aumento del 12%, grazie soprattutto ai visitatori cinesi (+53%). Il Brasile (+17%), l'India (+16%) e la Russia (+9,7%) hanno ugualmente registrato una forte crescita. Sempre durante la stagione turistica estiva, i clienti svizzeri hanno generato 8,7 milioni di pernottamenti, con una diminuzione dello 0,8%.

La maggior parte delle regioni svizzere ha subito un calo dei pernottamenti nell'estate del 2010. I Grigioni (-7,9%), Il Ticino (-6,6%) e il Valllese (-5,6%) sono stati particolarmente colpiti. Al contrario, la regione di Zurigo (+2,7%) e Friburgo (+5%) hanno registrato gli aumenti più importanti.

Per quanto riguarda il mese d'ottobre del 2011, il numero totale dei pernottamenti è sceso del 2,9%, a 2,6 milioni. I visitatori europei hanno registrato il calo più importante (-8,1%). Invece, l'Asia ha visto aumentare il numero dei pernottamenti del 13%. Molti più cinesi si sono recati in Svizzera quest'anno rispetto all'anno scorso (+47%).


Informazione

Ultima modifica 09.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2011/regressione-industria-alberghiera-estate-2011.html