Leggero calo dei prezzi al mese di agosto

Giovane coppia in un negozio di abbigliamento da uomo.

(14.09.2011) Il livello dei prezzi al consumo è diminuito leggermente in Svizzera nel mese di agosto. È sceso dello 0,3% rispetto al mese precedente, secondo l'Ufficio federale di statistica (UST). Su scala annuale, i prezzi sono tuttavia aumentati dello 0,2%.

Il calo dei prezzi rispetto al mese di luglio è dovuto innanzitutto alla diminuzione dei prezzi dei viaggi forfetari e dei prodotti petroliferi (-2,7%). I rami dell'abbigliamento e delle calzature (-1,9%), così come quelli del tempo libero e della cultura (-1,1%), hanno invece subito cali significativi.

I prezzi dell'alimentazione e delle bevande analcoliche (-0,6%), dei trasporti (-0,5%), degli articoli e servizi per la casa (-0,3%), dell'abitazione e dell'energia (-0,1%) e della sanità (-0,1%), hanno pure subito una flessione.

Al contrario, i prezzi delle comunicazioni (+1,1%), delle bevande alcoliche e del tabacco (+0,2%), così come degli altri beni e servizi (+0,4%), sono invece aumentati. L'UST segnala una stagnazione dei prezzi nel ramo della ristorazione e nel settore alberghiero. Le flessioni fatte registrare in quest'ultimo ramo sono infatti state annullate dal rincaro dei pasti nei ristoranti ed i bar.

Per quanto concerne la provenienza dei prodotti, i prezzi dei beni indigeni sono rimasti invariati rispetto al mese di luglio 2011. La diminuzione constatata è dovuta essenzialmente ai prodotti importati, in calo dell'1%. Su scala annuale, i prodotti locali sono rincarati dello 0,7% in media, contro una diminuzione dell'1,3% dei beni importati.


Informazione

Ultima modifica 08.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2011/leggero-calo-dei-prezzi-al-mese-di-agosto.html