Il carico fiscale rimane modesto in Svizzera

Su di un tavolo sono appoggiati una scatola con degli scontrini, una calcolatrice, un blocco di fogli e una matita.

(14.12.2011) In Svizzera, il carico fiscale rimane modesto rispetto a quello degli altri paesi. Secondo l'Amministrazione federale delle finanze (AFF), esso è salito al 29,8% del PIL nel 2010, registrando un leggero aumento di 0,1 punto rispetto all'anno precedente.

L'aliquota fiscale che comprende la somma delle entrate fiscali e delle quote per le assicurazioni sociali, ristagna leggermente al disotto del 30%, dal 2000 in poi. È nettamente più elevata nella maggior parte dei paesi dell'Organizzazione di cooperazione e sviluppo economico (OCSE) che registra un carico fiscale medio del 33,7% (2009).

Solo il Giappone, L'Irlanda e, ultimi in classifica, gli Stati Uniti (24,6%) presentano un carico fiscale più basso di quello della Svizzera. Al contrario, la Danimarca (48,2%), la Svezia, il Belgio, l'Italia, la Francia, l'Austria, la Finlandia, i Paesi Bassi, la Germania, il Lussemburgo, la Gran Bretagna, la Spagna, la Nuova Zelanda e il Canada, presentano un carico fiscale più elevato.

Secondo l'AFF, il debole aumento dell'aliquota fiscale nel 2010 deriva principalmente dalla crescita delle spese registrate all'interno dei cantoni e dei comuni. Invece, l'aliquota fiscale è diminuita a livello della Confederazione e delle assicurazioni sociali. In effetti, in questi due settori, il totale del carico fiscale è aumentato meno rapidamente del PIL.


Informazione

Ultima modifica 09.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/news/2011/carico-fiscale-rimane-modesto-svizzera.html