"Bisogna saper spiegare la propria innovazione in cinque secondi"

Lanciata nel 2012, la ditta orologiera HYT si è presto messa in evidenza grazie all’originalità dei suoi prodotti. Il suo co-fondatore, Vincent Perriard, ci svela i segreti di una start-up creativa.

Dalla sua creazione quattro anni fa a Neuchâtel, HYT è riuscita ad aprirsi un varco nel microcosmo orologiero svizzero. La sua cifra d’affari è aumentata del 10% all’anno, stabilendosi intorno ai CHF 15 milioni nel 2015. L’impresa conta ormai 47 impiegati. Per il suo co-fondatore Vincent Perriard, la riuscita della PMI è dovuta all’innovazione e ad un concetto unico. Perriard ci spiega le tappe fondamentali dell’espansione di una start-up fondata sulla ricerca e lo sviluppo.

Quale idea sta alla base del vostro marchio?

Vincent Perriard: Il nostro scopo era di creare un prodotto incontestabilmente e visivamente unico, che non era mai stato concepito in precedenza. Per questo, abbiamo deciso di mischiare il liquido alla meccanica. Si trattava di un paradosso in quanto il liquido, utilizzato nella clessidra o la fontana ad acqua per indicare il tempo, è tradizionalmente visto come l’antenato dell’orologeria meccanica. Il "padre" di questa innovazione, il mio associato e ingegnere in fisica nucleare Lucien Vouillamoz, ha perciò messo a punto un orologio che utilizza il meccanismo per la potenza del movimento e un sistema liquido che si sposta in un tubo per indicare il tempo. Quest’ultimo sostituisce così la tradizionale lancetta. Un concetto che abbiamo protetto con 31 brevetti.

Innovare sul mercato orologiero è diventata una necessità?

Perriard: No, non per forza. A parte l’arrivo del quarzo e dell’orologio digitale, vi sono poche innovazioni in questo settore. Negli anni 1990 e 2000 l’orologeria si è sviluppata soprattutto attorno al design. Ciononostante, per noi essere innovativi era un obbligo, in quanto volevamo essere diversi dagli altri e avere una forte visibilità già dal lancio del nostro prodotto. Quando il pubblico vede il nostro prodotto per la prima volta, sa immediatamente che si tratta di qualcosa di diverso, che o apprezza o non apprezza, inoltre. Senza questa novità estrema, saremmo potuti entrare sul mercato con grande sforzi di marketing.

Come restare competitivi nel tempo?

Perriard: Bisogna continuare a investire nella ricerca e innovare. Da quattro anni, abbiamo assunto un totale di oltre 20 ingegneri, fisici e chimici, che non smettono di cercare nuove idee per i prossimi anni. Stiamo preparando molte novità per il 2018 sulla scia di quanto esiste già, anche se il costo è evidentemente esorbitante.

A quanto ammonta questo investimento?

Perriard: Da quattro anni a questa parte abbiamo raccolto circa CHF 47 milioni. Per un’impresa di 47 persone, questa cifra è importante. Continuare a investire per dare valore alla nostra struttura è la scommessa dei nostri azionisti. Molto solidi, questi ultimi credono nella nostra strategia d’investimento a lungo termine nella tecnologia e i nostri orologi sono soltanto la punta dell’iceberg. Non tutti i nostri brevetti sono stati utilizzati per ora. Ce ne serviremo in altre strutture. Infatti, riteniamo di poter diventare un laboratorio per altre società, che non saranno in concorrenza con HYT. L’interesse è notevole, abbiamo già ricevuto delle richieste in tal senso.

Quali consigli darebbe a una persona che desidera lanciare un prodotto innovativo e competitivo sul mercato?

Perriard: Oggigiorno, affinché un prodotto veda la luce e funzioni, si deve poterlo spiegare in cinque secondi. È bene che sia anche, e soprattutto, accessibile a tutti. Una nonna o un nonno devono poterlo capire subito. Spesso è difficile spiegare ciò che è il marchio senza doversi perdere in spiegazioni complicate, di marketing o di strategia e che, in fin dei conti, non vogliono dire nulla. Questo è il problema di troppi marchi: sono spesso incomprensibili. È necessario avere una posizione chiara e precisa. In cosa il vostro prodotto è unico? Questa è la domanda che bisogna porsi e darsi una risposta. Se non si è unici, a mio parere, è meglio evitare di lanciarsi.


Informazione

Biografia

Ritratto di Vincent Perriard,  cofondatore della ditta orologiera HYT.

Vincent Perriard – membro di direzione e co-fondatore di HYT – è una figura ben nota nei settori orologieri, in quanto ha diretto, in qualità di CEO, TechnoMarine per due anni e Concord per tre anni. In precedenza, è stato responsabile marketing e comunicazione per l’internazionale presso Audemars Piguet e poi vice presidente del gruppo Swatch ai tempi di Nicolas Hayek padre.

Ultima modifica 17.08.2016

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/interviste/2016/spiegare-la-propria-innovazione-in-cinque-secondi.html