″Mai fare il cavaliere solitario nelle fasi iniziali″

Mateo Meier ha creato la sua agenzia di marketing digitale quattro anni fa. È riuscito, in un settore del digitale sempre in movimento, a farsi largo in questo mercato. Spiegazioni.

L’ottimizzazione per i motori di ricerca, le relazioni pubbliche online ed il marketing sui social network costituiscono i tre pilastri di Online marketing. Questa impresa di cinque persone, creata nel 2011 a Steinhausen (ZG), annovera tra i suoi clienti Forster, fabbricante di cucine, e diverse grandi aziende IT. Con una crescita annuale del 35%, la società ha saputo trovarsi uno spazio in un settore in costante evoluzione. Il suo fondatore, Mateo Meier, ci spiega gli barriere che ha dovuto superare la PMI per farcela.

Quali erano le sue motivazioni al momento del lancio della sua impresa?

Mateo Meier: Desideravo creare nuovi modelli pubblicitari che riunissero fornitori e clienti. Nella pubblicità classica, i consumatori sono confrontati con prodotti e servizi di cui non hanno bisogno nella maggior parte dei casi. Il marketing online ha lo scopo, grazie ad un utilizzo mirato dei motori di ricerca e dei social network, di mettere in relazione i consumatori con i prodotti che li interessano davvero.

Come ha finanziato la creazione della sua società?

Meier: Con mezzi privati. Ho proposto il mio concetto a diverse banche, ma purtroppo non ho ottenuto alcun prestito. Apparentemente, le banche sono ancora sospettose all’idea di finanziare progetti nell’ambito digitale. Tuttavia, il capitale necessario è stato trovato rapidamente ed ho subito optato per il modello della società anonima. Questo modello era ideale per costituire un’impresa ben strutturata e sul lungo termine.

Oltre al finanziamento, quali sono state le sfide più grandi?

Meier: Inizialmente non è stato facile trovare i giusti collaboratori, dato che il marketing digitale è un settore di nicchia. Avevo inoltre poche esperienze in materia di risorse umane, ma aspettative ben precise. Alla fine, ho incontrato il mio primo collaboratore ad un evento di Junior Chamber International (JCI), una rete di giovani imprenditori. Per anticipare al meglio la ricerca di nuovi collaboratori di talento, ho proposto uno stage a partire dal primo anno.

Come è riuscito ad affermare la sua posizione sul mercato?

Meier: Il marketing digitale è, per definizione, un mercato del futuro in quanto sempre più imprese si allontanano dai modelli pubblicitari classici. Il mercato svizzero è tuttavia ancora segnato da una certa prudenza. Quando un’impresa sceglie di fare pubblicità tramite un cartellone, l’investimento è certamente prudente. Con il marketing digitale, il prodotto è più astratto ed il risultato non è visibile nell’immediato. Dobbiamo quindi effettuare sempre un lavoro di persuasione.

Il mercato è recente ed evolve rapidamente. Come vi distinguete dai vostri concorrenti?

Meier: La cosa più importante è tenersi aggiornati e seguire le evoluzioni tecnologiche nel settore del web e dei social network. Inoltre, il ciclo di vita dei nostri prodotti è breve. Le abitudini e le preferenze dei consumatori evolvono costantemente. Abbiamo quindi sviluppato, per avere un argomento di vendita supplementare, un’offerta di Relazioni pubbliche online. Si tratta, concretamente, di creare contenuto redazionale su internet ed i social network per i nostri clienti. Questo è senz’altro un valore aggiunto rispetto ai nostri concorrenti.

Quali consigli darebbe a dei giovani imprenditori che desiderano lanciarsi nel marketing digitale?

Meier: L’importante è non voler fare il cavaliere solitario nelle fasi iniziali. Si deve avere un partner con il quale sia possibile dialogare regolarmente. Ci vuole inoltre coraggio per intraprendere nuove strade e proporre servizi o prodotti che non esistono ancora sul mercato. È pure necessario sorvegliare le finanze. Prima di lanciarsi in proprio è consigliabile avere già una rete sulla quale poter contare. Per quanto mi concerne, ho frequentato per cinque anni degli eventi prima di creare la mia impresa, in modo da stringere contatti e conoscere meglio il settore.


Informazione

Biografia

Ritratto di Mateo Meier, imprenditore. Giovane uomo sorridente capelli biondi corti e occhi chiari.

Mateo Meier, 32 anni, è indipendente da quando aveva 19 anni. Ha ottenuto, parallelamente ad un’attività professionale, un diploma alla Miami International University e alla School of Management and Law a Winterthur. Mateo Meier ha dapprima fondato la sua società Artmotion nel 2001, che propone alle imprese soluzioni informatiche (hosting et IT), ed in seguito ha creato Online Marketing, grazie al successo di Artmotion. 

Ultima modifica 07.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/interviste/2015/mai-fare-cavaliere-solitario-fasi-iniziali.html