"Si deve condividere lo stesso ideale"

Conciliare vita di coppia e direzione d’impresa non è cosa da poco. Questo modello comporta tuttavia dei vantaggi, spiega Bettina Plattner-Gerber, coautrice di una guida pratica su questo tema.

Nell'agricoltura e nella ristorazione, ma anche nell'architettura o nel settore medico, molti uomini e donne conciliano vita di coppia e direzione d'impresa. Se la prospettiva di condividere la vita professionale con il proprio partner spaventa più di una persona, i benefici che una coppia può apportare alla direzione di una PMI superano di molto i rischi che si corrono, secondo Bettina Plattner-Gerber, coautrice con Lianne Fravi della guida pratica "Wenn Paare Unternehmen Führen" (Kösel-Verlag, 2013). Si deve inoltre saper organizzarsi al meglio ed identificare i tranelli da evitare sulla strada del successo.

In quale settore di attività il modello della coppia dirigente è più frequente?

Bettina Plattner-Gerber: La direzione in coppia si ritrova in tutti i settori economici delle piccole e medie imprese, ma in particolare in quelli legati al turismo, al commercio, all'artigianato ed anche all'agricoltura, che è il settore di coppia per eccellenza. Esistono pure molti istituti di formazione condotti in coppia, o anche dipartimenti di centri ospedalieri universitari e grandi progetti nella ricerca e nella cultura. Infine, si incontra questo genere di costellazioni nel ramo artistico o creativo, che si tratti di studi d'architettura, di gallerie d'arte o agenzie di comunicazione. Solitamente, più un'impresa è piccola, più la probabilità che sia diretta da una coppia aumenta. Si trovano comunque delle eccezioni. Il nostro libro porta infatti la testimonianza di una coppia che possiede un'impresa attiva su scala mondiale nell'alta tecnologia e che impiega più di 500 persone nel mondo intero.

Quali vantaggi può apportare la direzione di coppia ad un'impresa?

Plattner-Gerber: Tra i vantaggi concreti citerei innanzitutto una forte identificazione all'impresa, che si traduce in un impegno superiore alla media. Un CEO può facilmente decidere di cambiare società se riceve un'offerta interessante, ma una coppia dirigente è più coinvolta emotivamente e questo permette di superare al meglio le difficoltà ed apporta grande stabilità all'impresa. Le coppie sono pure avvantaggiate in fatto di finanziamento, malgrado il rischio che una possibile separazione possa mettere in pericolo il progetto o l'impresa. Si tratta sempre di una lama a doppio taglio. Infine, la direzione di coppia comporta una sorta di promozione "tre per due": l'unione delle competenze, delle esperienze e del savoir-faire di ciascun partner è efficace almeno quanto quelli di tre persone. Inoltre, questo investimento professionale comune apporta molto alla relazione intima.

Gli uomini e le donne hanno spesso modi diversi di lavorare. In che modo questa alterità può giovare all'impresa?

Plattner-Gerber: È un punto cruciale. Infatti, tra la maggior parte delle coppie, le competenze, i metodi di lavoro ed i caratteri dei partner sono molto ben distinti, benché la coppia condivida un ideale comune che li ha uniti. Si tratta di una risorsa molto interessante per un società. Inoltre, gli uomini e le donne hanno spesso modi di comunicare molto differenti, che sono però complementari. Per dirlo con un cliché, l'uomo si interessa spesso al funzionamento pratico, mentre la donna si dedica maggiormente all'aspetto relazionale. Queste differenze fondamentali possono essere un vero e proprio atout strategico ed una forza per la gestione dell'impresa.

Delle crisi che toccano  l'impresa o la coppia sono inevitabili. Come superare al meglio tali situazioni?

Plattner-Gerber: Che la crisi tocchi l'impresa o la coppia, penso che l'essenziale sia il fatto di cercare un aiuto esterno. Quando delle difficoltà si presentano in una relazione, si rischia spesso di girare in tondo e di reiterare i propri problemi. Per questo sono a favore dell'intervento di una terza persona. Tendiamo ad andare dal medico per un nonnulla, ma storciamo il naso per l'intervento di un terapista o di un coach. Uno sguardo esterno può però rivelarsi davvero utile per aiutare una coppia dirigente, che si tratti di un consulente, di un membro del consiglio d'amministrazione o di uno psicologo.

Quali consigli darebbe ad una coppia che prevede la creazione di un'impresa comune?

Plattner-Gerber: Bisogna condividere le stesse aspettative dalla vita ed avere lo stesso ideale. Una volta risolta questa questione, si troverà sempre il modo per negoziare e superare le prove che ci vengono poste che conducono ad uno scopo reciproco. L'assenza di valori comuni è un fattore di tensione sia nella vita professionale che famigliare. È inoltre un elemento che si riflette in molti aspetti della direzione d'impresa. Se mio marito ed io condividiamo gli stessi obiettivi e visioni, sarà facile essere d'accordo sulla scelta di un nuovo collaboratore. In caso contrario, questo comporterà discussioni e perdite di tempo. La strategia vincente emerge spesso dalla visione comune della coppia.

Come è nato il progetto di guida pratica sulla direzione in coppia?

Plattner-Gerber: Io stessa lavoro con mio marito da più di 25 anni nel settore alberghiero e, durante questo tempo, abbiamo naturalmente dovuto superare numerose prove. Questo ha forgiato la nostra coppia e portato ad un lavoro di squadra molto fruttuoso. Ho quindi sempre pensato che si tratta di un aspetto gestionale molto interessante, ma studiando la questione, ho scoperto che non esisteva una letteratura specializzata in proposito. Nel 2010 ho incontrato Lianne Favri nell'ambito di uno studio che verteva sulle mogli di albergatori. Quando è nata l'idea per questo libro, le ho proposto di scriverlo insieme. Abbiamo pure chiesto aiuto a diversi esperti nel settore dell'economia, della finanza, della psicologia e della comunicazione, senza dimenticare le testimonianze di dodici coppie di imprenditori che abbiamo intervistato. Infine, il nostro manuale comporta sia le ultime conoscenze scientifiche sul soggetto, sia dei consigli pratici che ogni coppia che dirige un'impresa può applicare.


Informazione

Biografia

Ritratto di Bettina Plattner-Gerber, coautrice con Lianne Fravi della guida pratica "Wenn Paare Unternehmen Führen".

Diplomatasi alla Scuola alberghiera di Losanna (EHL), Bettina Plattner-Gerber forma da venticinque anni una squadra dirigente con il marito Richard. Dopo aver gestito la direzione di diversi grandi hotel nei Grigioni, la coppia ha fondato la società Plattner & Plattner nel 2010. Sviluppa oggi Alpine Lodging, un concetto che combina l’affitto di appartamenti di vacanza e servizi su misura.

Ultima modifica 07.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/interviste/2014/si-deve-condividere-lo-stesso-ideale.html