"Dobbiamo offrire più posti alle persone portatrici di handicap"

Con sede a Zurigo, la fondazione Züriwerk favorisce l’integrazione professionale dei giovani disabili. Fornisce ogni anno 60 posti di apprendistato presso diverse imprese svizzere.

Creata nel 1967 sotto forma di fondazione, dopo aver aperto nel 1964 i suoi primi siti di produzione e di alloggio a Zurigo e a Bubikon, Züriwerk aiuta i giovani disabili a trovare dei posti di apprendistato in diverse imprese. La sua responsabile Gabriele Rauser ci parla di questa problematica.

Potrebbe spiegarci in che modo la vostra associazione aiuta concretamente le persone disabili ad integrarsi nella vita professionale?

Gabriele Rauser: Forniamo circa 60 posti di apprendistato ogni anno per dei giovani disabili. Abbiamo una decina di posti disponibili in seno alla nostra fondazione, ma cerchiamo soprattutto dei posti di apprendistato individuali sul mercato del lavoro in grandi imprese. Cominciamo con un primo colloquio con il giovane, che generalmente viene accompagnato dai suoi genitori e talvolta anche da un insegnante. Lo scopo è di fare conoscenza con la persona, di determinare i suoi punti di forza e le sue attitudini piuttosto che attardarsi sui suoi handicap. Dobbiamo chiaramente verificare a che livello potranno iniziare il loro apprendistato. Chiediamo loro dove preferirebbero effettuarlo, in seno alla fondazione o sul mercato del lavoro.

Quali metodi utilizzate?

Rauser: I nostri valori e principi seguono il modello dell’Associazione European Union of Supported Employment (EUSE). Per gli apprendisti che iniziano il loro apprendistato ad esempio per Migros, proponiamo un controllo regolare. Facciamo loro visita sul posto di lavoro per poter vedere come vanno le cose, se riescono a raggiungere i loro obiettivi e quali sono le loro performance. Parliamo con l’apprendista ed anche con gli impiegati della società. Solitamente l’apprendista può contare sul sostegno di una persona di riferimento, che è il suo responsabile durante l’apprendistato. Li aiutiamo inoltre ad effettuare i loro compiti, se è necessario.

Di quale tipo di handicap si tratta?

Rauser: Parliamo di giovani, uomini e donne, che presentano dei disturbi dell’apprendimento o di autismo, alcuni dei quali con comportamenti difficili.

Quante persone avete già aiutato a trovare un lavoro o una formazione professionale negli ultimi anni?

Rauser: Nel 2011, 18 persone hanno terminato il loro apprendistato, 9 delle quali hanno trovato un impiego sul mercato del lavoro e 6 all’interno della fondazione. L’anno seguente, queste cifre ammontavano a 10,7 e 3. Lo scorso anno invece 15 persone hanno concluso la loro formazione, 11 hanno trovato un impiego in un’impresa e 2 nelle fondazioni.

Con quale settore d’attività o tipo di imprese lavorate?

Rauser: Lavoriamo con tutti i tipi di compagnie: Coop, Axpo, la Posta, ma anche case di riposo, garage, centri di giardinaggio o asili nido, ad esempio.

Quante persone lavorano in seno alla vostra organizzazione?

Rauser: Impieghiamo circa 400 persone per l'insieme della Fondazione. Nella mia squadra per l'integrazione professionale, 16 collaboratori lavorano.

Lavorate in partenariato con altre associazioni?

Rauser: Siamo in contatto con fondazioni simili, con la nostra organizzazione mantello INSOS, con il cantone e con diverse istituzioni locali, ma non abbiamo partenariati veri e propri con altre organizzazioni.

Proponete anche degli alloggi. Può dirci qualcosa in più in proposito?

Rauser: In effetti, Züriwerk offre alloggi a Zurigo e in diversi villaggi dell’est del canton Zurigo. 178 persone vivono all’interno del nostro istituto. Possono scegliere di vivere in una casa classica o nelle comunità in appartamenti. Questo dipende dal livello di assistenza e di aiuto di cui necessitano.

A quanto ammonta il vostro budget annuale?

Rauser: Il nostro budget annuale per i nostri servizi nell’ambito dell’educazione è di CHF 1,8 milioni. Il budget annuale totale dell’organizzazione è di CHF 35 milioni. I costi totali per tutti i servizi che proponiamo ai nostri clienti ammontano a CHF 28 milioni. I diversi dettagli si trovano nel nostro rapporto annuale.

Per concludere, come si potrà, secondo lei, migliorare negli anni a venire l’integrazione delle persone disabili all’interno delle imprese in Svizzera?

Rauser: È una domanda importante. Dobbiamo offrire in generale più posti alle persone portatrici di handicap. Dobbiamo andare a scuola insieme, lavorare insieme, superare le differenze e considerare ogni individuo come un valore. Il mercato del lavoro ha già ottenuto dei buoni risultati lavorando con delle persone handicappate, ma è necessario spingersi oltre. La Svizzera ha sottoscritto lo scorso aprile la Convenzione dell’ONU per i diritti delle persone handicappate (CDPD), ma ora bisogna lavorare per trasformare queste leggi in posti di lavoro concreti per gli handicappati. Certamente, vi sarà sempre bisogno di un coaching e dobbiamo continuare a fornirlo anche alle imprese, alle scuole ed alle persone disabili stesse. Quest’anno potrebbe essere un buon esempio, dato che è l’anno ufficiale dell’apprendimento.


Informazione

Zur Person/Firma

Ritratto di Gabriele Rauser, responsabile di Züriwerk.

Gabriele Rauser wurde 1967 in der deutschen Stadt Lübeck geboren und lebt seit 1991 in der Schweiz. Sie ist verheiratet, hat zwei Kinder und arbeitet seit 2008 in der Stiftung Züriwerk. Zuvor war sie bei Credit Suisse und als Lehrerin beschäftigt. Sie hat verschiedene Weiterbildungen im Bereich Integration, Coaching und Leadership in gemeinnützigen Organisationen absolviert.

Ultima modifica 07.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/interviste/2014/offrire-piu-posti-persone-portatrici-handicap.html