"Nella selezione degli impiegati, è bene seguire il proprio istinto"

Fondatore ed associato della società di marketing online dwb, Olivier Gachnang spiega le specificità di questo ramo in Svizzera, in particolare per le aziende di modesta grandezza.

Con sede a Zurigo, la società dwb.ch si specializza dal 2011 nello sviluppo web e mobile, così come nel marketing online. Conta oggi una ventina di impiegati ed una quarantina di clienti, fra cui Migrol, Mobility ed anche The Boston Consulting Group, che accompagna dal concetto fino allo sviluppo finale del prodotto. Intervista con il suo cofondatore Olivier Gachnang.

Potrebbe descriverci in cosa consiste precisamente la vostra attività?

Olivier Gachnang: Accompagniamo i clienti in modo che beneficino di una presenza professionale sul web, che sia su un computer d'ufficio, un portatile o un tablet. Ci assicuriamo che con questi nuovi sviluppi possano realizzare dei buoni ritorni sugli investimenti. Per far questo, analizziamo la loro clientela potenziale e lavoriamo su concetti di marketing online individualizzati che permettono di attirare sui propri siti i visitatori giusti. Spesso, delle PMI ci chiedono perché i visitatori del loro sito non diventano dei clienti. Utilizzando diversi test d'ergonomia, analizziamo gli ostacoli e facciamo in modo che il maggior numero possibile di visitatori si trasformino in clienti.

Quali sono le specificità delle PMi in materia di marketing online?

Gachnang: Le PMI non sono più per forza legate al commercio stazionario e possono, grazie a strumenti di marketing online, raggiungere un pubblico molto più vasto. Il web è infatti un canale di distribuzione supplementare per le PMI. È importante per loro sapere dove trovare i potenziali clienti su internet e come raggiungerli.

Ci può descrivere alcuni  dei servizi che avete proposto recentemente a delle PMI?

Gachnang: Attualmente stiamo assistendo un asilo nido che possiede diverse sedi a Zurigo, Zugo, Basilea e Sciaffusa. Dopo aver lanciato il loro nuovo sito a metà dello scorso anno, l'obiettivo è ormai quello di raggiungere nuovi clienti sul web e di metterli in contatto con l'impresa. Dopo un'analisi approfondita, abbiamo constatato che numerosi potenziali clienti facevano delle ricerche su asili nido in inglese invece che in tedesco. Abbiamo quindi stabilito una strategia affinché il sito fosse facilmente rintracciabile tramite ricerche sia in tedesco che in inglese.

Quali sono le grandi tendenze attuali in materia di marketing online in Svizzera?

Gachnang: Gli svizzeri sono grandi utilizzatori di Google. Più del 90% di loro vuole trovare le risposte su questo motore di ricerca. Una PMI con risorse illimitate dovrebbe quindi in via prioritaria concentrarsi su Google e fare in modo che i suoi potenziali clienti la trovino tramite questo mezzo. A seconda del suo posizionamento, altri strumenti di marketing possono essere interessanti, come il marketing mobile, ma nessuno ha la stessa efficacia di Google.

Il marketing mobile è ancora troppo giovane per offrire delle vere e proprie opportunità alle PMI?

Gachnang: Tutto dipende dal ramo in cui la PMI è attiva, il pubblico target che desidera raggiungere e con quali strumenti di marketing mobile. A mio avviso, si dovrebbero in un primo tempo ottimizzare i propri siti web e i negozi online perché siano facilmente leggibili sugli schermi degli smartphone e dei tablet. Si osserva una netta tendenza verso l'uso di internet su questi supporti. Tra le altre misure aggiuntive che possono avere un senso si possono citare diverse applicazioni o strumenti di pubblicità mobile. Ma questi strumenti devono essere studiati dettagliatamente caso per caso.

Quanti impiegati conta la vostra impresa?

Gachnang: Siamo al momento 5 persone in Svizzera e vi gestiamo il management, la concezione, la strategia ed il marketing, e contiamo su una quindicina di collaboratori con base in Romania. Si tratta essenzialmente di sviluppatori web.

Perché la Romania?

Gahnang: Per diverse ragioni abbiamo costituito la nostra equipe tecnica a Timisoara. Là vi è un'università tecnica riconosciuta dove abbiamo potuto reclutare ottimi sviluppatori. Inoltre, parlano molto bene l'inglese e correttamente il tedesco, rispetto ad altri paesi. Attraverso attività precedenti, abbiamo già conosciuto alcuni di loro. Era quindi naturale per noi stabilirvi il nostro sito di sviluppo.

Quali sono state le principali difficoltà che ha incontrato come imprenditore dal lancio della sua società?

Gachnang: Direi che la più difficile è stata trovare i collaboratori giusti. In Svizzera molti buoni impiegati sono attratti dalle imprese più grandi dopo la fine degli studi.

Molti giovani imprenditori menzionano la questione del finanziamento iniziale come ostacolo principale al lancio di una società. Come è andata per voi?

Gachnang: Non è stato un problema in quanto eravamo pronti, dalla fase iniziale, ad arrangiarci con i nostri mezzi limitati. Era importante per noi crescere in maniera organica e senza crediti. Questa strategia ha dato i suoi frutti. Certamente, senza alcun finanziamento questo sarebbe stato molto più difficile. Il mio consiglio è quindi, per i creatori di start-up attive nei servizi, di utilizzare i propri risparmi. Fissandosi i giusti obiettivi e con abbastanza passione le possibilità di riuscita sono buone.

Quali altri consigli darebbe ad un giovane imprenditore che desideri lanciare la sua impresa oggi, in particolare per quanto concerne la scelta dei collaboratori?

Gachnang: In primo luogo, consiglio di seguire il proprio istinto per quanto riguarda la scelta degli impiegati. Lavorando con dei conoscenti si creano meno incomprensioni. Ci si può così concentrare maggiormente sulle proprie attività. In seno ad una PMI i buoni collaboratori rappresentano il fulcro delle attività. Bisogna quindi fare tutto il possibile per farli star bene.

Quali progetti ed obiettivi avete per il futuro?

Gachnang: Nell'immediato desideriamo soprattutto non ingrandirci troppo, consolidare la nostra impresa e fidelizzare la nostra clientela.


Informazione

Biografia

Ritratto di Olivier Gachnang, fondatore della società di marketing online dwb.ch.

Olivier Gachnang ha lavorato per diversi anni nel settore del marketing online prima di fondare dwb.ch con altri tre associati. Dovrebbe terminare un master in questo ramo in un futuro prossimo. In seno all’impresa ogni associato si è specializzato in rami ed attività specifiche. Simon Schweingruber è stato per anni il responsabile presso Nokia del settore telefonia mobile e sviluppo. Christian Vollenweider dispone di oltre dieci anni di esperienza nella gestione di progetti web. Fabio Magagna, che funge da specialista IT, ha studiato all’ETH dove ha ottenuto un dottorato.

Ultima modifica 05.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/interviste/2013/selezione-impiegati-bene-seguire-proprio-istinto.html