"Il Cementit rappresenta soltanto l’1% dei nostri guadagni"

Conosciuta in Svizzera come fabbricante del Cementit, la società Merz + Benteli si è pure specializzata nel mercato in piena crescita delle colle industriali. Colloquio con il suo direttore Georges Bindschedler.

L'industria del fissaggio sta vivendo una fase di rivoluzione. Le viti e le saldature sono sempre più spesso rimpiazzate da colle ultra forti, più leggere e facili da utilizzare. Questo mercato in piena crescita è il fulcro dell'impresa famigliare Merz + Benteli, fondata nel 1918 e con sede a Niederwangen nel canton Berna. La società di 85 impiegati produce non soltanto della colla, ma anche mastici e siliconi. Realizza una cifra d'affari di circa CHF 40 milioni, lavorando in particolare per i settori dei trasporti e della costruzione.

Producete la colla Cementit, un marchio molto conosciuto in Svizzera. Quale parte della vostra cifra d'affari rappresenta?

Georges Bindschedler: Il Cementit ha portato alla fama la nostra azienda. Dalla sua invenzione negli anni '30 si è imposta come la colla degli amanti del fai da te e delle famiglie svizzere. All'epoca, Walter Merz e Albert Benteli l'avevano sviluppata per incollare del fosforo sui quadranti e le lancette degli orologi, al fine di poter leggere l'ora al buio. Si trattava della prima colla interamente sintetica, ottenuta mescolando resina artificiale e cellulosa. Oggi, Cementit rappresenta soltanto l'1% della nostra cifra d'affari.

Da dove hanno origine i vostri guadagni?

Binschedler: Merz + Benteli si è specializzata nella colla industriale, i mastici ed i siliconi. L'impresa ha tratto vantaggio in particolare dal boom della costruzione degli anni '50 e dall'aumento dell'uso della colla nell'industria a partire dagli anni '80. Attualmente i nostri prodotti servono a migliorare in maniera permanente l'impermeabilità delle finestre e dei tetti delle costruzioni. Le nostre innovazioni in fatto di aderenza e di elasticità sono utili anche nel settore automobilistico, in particolare per un miglior fissaggio dei parabrezza delle auto. In Svizzera commercializziamo i nostri prodotti con i marchi Gomastit e Merbenit, che vendiamo direttamente agli artigiani o attraverso la nostra rete di grossisti.

Quanta colla fabbricate ogni anno?

Bindschedler: Utilizziamo circa 7'000 tonnellate di materie prime che ci permettono di fabbricare una quantità equivalente di colla. Il totale della nostra produzione avviene nel nostro centro a Niederwangen, nel canton Berna. Le nostre materie prime principali sono dei polimeri, del gesso (carbonato di calcio precipitato) ed altri componenti come delle sostanze ammorbidenti o dei catalizzatori.

Avete preso delle misure particolari per ridurre l'impatto dei vostri prodotti sull'ambiente?

Bindschedler: Procediamo ad una separazione sistematica dei nostri rifiuti. Lavoriamo con macchine a basso calore di scarico ed isoliamo i nostri stabilimenti. Nella fabbricazione delle nostre colle, siamo attenti a sviluppare formule per sostituire gradualmente l'uso di zinco come catalizzatore o di ftalati, sostanze chimiche giudicate nocive per la salute. Al momento stiamo studiando nuovi prodotti che conterrebbero materie prime naturali e rinnovabili. Le nostre diverse certificazioni attestano che fabbrichiamo prodotti a bassa emissione (Emicode EC1) e conformi allo standard Minergie. Ciononostante, abbiamo constatato che l'etichetta verde non è ancora un argomento di vendita per la nostra clientela, che preferisce acquistare prodotti che conosce e di cui si fida.

La Svizzera è il vostro mercato principale?

Bindschedler: No. Consacriamo l'80% della nostra attività alla fabbricazione di prodotti per altre marche in Europa. Queste colle vengono vendute nella catene Do-it-yourself, altre vengono utilizzate nei settori della costruzione navale ed anche della carrozzeria. Per i clienti, sviluppiamo dei prodotti specifici o adattiamo la nostra produzione esistente per completare le loro gamme. Siccome non vendiamo i nostri marchi all'estero, non siamo dei concorrenti diretti. I paesi del Benelux (Belgio, Olanda e Lussemburgo), così come i paesi del nord Europa, rappresentano i due terzi del nostro mercato.

Qual ruolo gioca la colla oggigiorno nei processi di assemblaggio?

Bindschedler: Il mercato della colla è in piena crescita, in quanto si tratta di una tecnica a buon mercato, semplice e applicabile nella maggior parte dei settori industriali. Ad esempio, sostituendo l'assemblaggio meccanico in un auto incollando i pezzi, il peso del veicolo diminuisce di quasi 80kg. Da questo punto di vista, la colla è più ecologica. L'aeronautica ha anch'essa deciso di sfruttare i vantaggi della colla: il Boeing 787 (Dreamliner), che può trasportare più di 300 passeggeri, contiene più pezzi incollati di un aereo di linea costruito 20 anni fa.

Come vede il futuro della sua impresa?

Bindschedler: Svilupperemo nuovi prodotti ancor più performanti per applicazioni industriali nei settori delle automobili e dei trasporti. Poniamo l'accento sulla qualità dei nostri prodotti e non sulle quantità fabbricate. Puntiamo ad una crescita annuale del 5%, che corrisponde ad una vera e propria sfida data la congiuntura attuale. Infatti dal 2008 e a causa del franco forte abbiamo perso quasi il 30% dei nostri margini. Ma grazie alla modernizzazione delle nostre macchine ed agli sforzi di razionalizzazione, siamo comunque riusciti ad incrementare la nostra produzione dal 5 al 10% all'anno, senza assumere nuovi collaboratori. Siamo anche riusciti a mantenere la nostra cifra d'affari annuale intorno ai CHF 40 milioni.


Informazione

Biografia

Ritratto di Georges Bindschedler direttore della ditta Merz + Benteli, produttrice di colle industriali

Dottore in diritto e notaio, Georges Bindschedler (1953) è CEO di Merz + Benteli dal 2006. Dopo il suo stage d’avvocatura, ha iniziato la sua carriera alla Società di banca svizzera a Basilea. Nel 1983 passa al gruppo Von Graffenried a Berna, specializzato nella gestione patrimoniale, la fiduciaria, l’immobiliare ed affari giuridici e notarili. Nel 2003 entra presso Gullotti and Partner Management and Consulting Sevices a Berna e conduce parallelamente diversi mandati d’amministratore per alcune imprese, fondazioni e gruppi d’investitori. È l’autore di diverse pubblicazioni ed allocuzioni nei settori del management e dei media. 

Ultima modifica 07.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/interviste/2013/cementit-rappresenta-soltanto-1-guadagni.html