"La situazione si è fatta molto difficile"

L’impresa zurighese Oertli Werkzeuge esporta più della metà dei suoi prodotti, principalmente fabbricati in Svizzera. A causa della crisi del franco forte, è stata costretta ad aumentare i prezzi del 15%. Incontro con il direttore Paul Oertli.

È nel 1923 che Jean Oertli fonda l'impresa Oertli a Bülach, nel canton Zuigo, con l'ambizione di creare utensili migliori. All'epoca è uno dei primi a sperimentare l'utilizzo di nuove leghe e di materiali da taglio in metallo duro. Finora, Oertli ha aperto diverse filiali all'estero ed ha spostato la sua sede in un villaggio vicino, Höri. I nipoti del fondatore, Paul e Thomas Oertli, hanno preso le redini della società nel 1993.

Quali innovazioni apportano i vostri prodotti sul mercato degli utensili?

Paul Oertli: Fabbrichiamo utensili per la fabbricazione meccanica del legno, principalmente per legno massiccio, per la realizzazione di finestre, di porte e di mobili. Sviluppiamo nuovi prodotti, soprattutto nel settore delle finestre. Questi prodotti hanno avuto una crescita tra il 5% ed il 10% per anno.

Quali sono i vostri principali mercati?

Oertli: Realizziamo tra il 60% ed il 65% della nostra cifra d'affari all'esportazione, nell'ovest dell' Europa, in particolare in Germania, in Austria, in Olanda, in Scandinavia, in Inghilterra ed anche negli Stati Uniti. Questi paesi possiedono un'importante industria del legno e della falegnameria per finestre.  Richiedono quindi degli strumenti performanti.

La crisi del franco forte ha avuto un impatto sulle vostre attività?

Oertli: Abbiamo subito una perdita nella cifra d'affari del 5% circa. I margini sui prodotti sono diminuiti e questo ha ridotto i nostri guadagni. Quest'anno non abbiamo avuto perdite ma nemmeno guadagni. Le nostre vendite all'estero sono state le prime ad essere intaccate.

Quali strategie avete adottato per limitare il suo impatto?

Oertli: La prima strategia è stata di aumentare i prezzi del 15% circa. La situazione sul mercato si è fatta molto difficile per quanto concerne la concorrenza. La seconda consisteva nell'aumentare gli acquisti all'estero. E la terza nel tentare di aumentare la nostra produttività, ovvero lavorare di più, mantenendo gli stessi costi. Abbiamo incrementato le ore di lavoro da 40 a 42 settimanali, ma senza aumentare i salari. Abbiamo richiesto grande flessibilità ai nostri impiegati. Questo ha funzionato fino a quando vi è stato abbastanza lavoro. Questo aumento delle ore è stato mantenuto fino alla fine del mese di novembre. A partire da dicembre, siamo tornati al vecchio sistema, in quanto non vi era più abbastanza lavoro a causa dei prezzi del 20% più elevati rispetto a quelli dei nostri concorrenti europei.

Quale parte della vostra produzione fabbricate in Svizzera?

Oertli: Fabbrichiamo una minima parte dei nostri prodotti all'estero: meno del 10%. Quasi tutti i nostri costi si trovano in Svizzera. Abbiamo un maggior plusvalore creando qui. La nostra materia prima rappresenta il 30% dei nostri costi totali; il 15% viene acquistato all'estero, il 15% in Svizzera. Tutti i costi restanti sono in Svizzera.

In seguito alla crisi, avete pensato di delocalizzare la vostra produzione?

Oertli: Abbiamo riflettuto molto sul rafforzamento della nostra struttura in Olanda. Ma a lungo termine non può essere la scelta giusta. Questo sito non ha abbastanza vantaggi. E per andare altrove sarebbero necessari grandi investimenti, che al momento non siamo in grado di realizzare.

In cosa consiste la vostra strategia per il futuro?

Oertli: Speriamo di poter incrementare la produttività per recuperare le nostre perdite. Quest'anno abbiamo anche lanciato un programma d'investimenti. Auspichiamo poi che a causa dell'inflazione, anche gli altri paesi debbano aumentare i loro prezzi. Ma dovremo sicuramente aspettare ancora tre o quattro anni. Dovremo cercare di sopravvivere aspettando che le differenze di prezzo siano compensate. Anche se la stampa dà forse l'idea che tutto stia andando bene in Svizzera, le industrie e le fabbriche che esportano nelle nostre stesse condizione ne risentono enormemente.


Informazione

Biografia

Ritratto di Paul Oertli, direttore dell' impresa zurighese Oertli Werkzeuge, produttrice di utensili.

Dopo aver ottenuto il diploma nel 1975, Paul Oertli effettua uno stage di un anno in un’impresa di costruzione di finestre. Entra quindi a far parte dell’azienda di famiglia della quale prende la gestione nel 1993, con suo cugino, Thomas Oertli. Paul Oertli è anche presidente del gruppo utensili di Eumabois, la Federazione europea degli attori del settore delle macchine per il legno. È membro del consiglio di HBT Suisse, l’Associazione dei fabbricanti svizzeri di macchine ed utensili per lavorare il legno.

Ultima modifica 04.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/interviste/2012/situazione-fatta-molto-difficile.html