"L’essenziale è ottenere che i clienti si fidino di voi"

Ci sono destini che sfidano ogni comprensione. Quello di Pietro Salanitro, direttore e fondatore della più grande azienda di orologi di gioielleria in Svizzera, fa certamente parte di questi. Ci racconta il suo sorprendente percorso e le sfide che attendono l’orologeria di lusso.

Fondata nel 1990 a Ginevra, Salanitro è un'azienda attiva nella fabbricazione e nell'incastonatura di orologi di gioielleria. Le acquisizioni successive di società specializzate gli ha permesso di diventare in pochi anni attore imprescindibile del settore e di acquisire la maestria dell'intero processo di fabbricazione degli orologi di lusso, ad eccezione dei meccanismi. L'impresa, in costante espansione, conta circa 150 impiegati e lavora per più di 80 marche orologiere differenti.

Come è nata Salanitro?

Pierre Salanitro: Originariamente non ero affatto predestinato a lavorare nel settore degli orologi di lusso. Una volta ottenuto il mio diploma di commercio, non sapendo bene cosa fare, sono entrato nel settore bancario. Quel lavoro non mi appassionava per niente, ed avevo sempre avuto il desiderio di mettermi per conto mio. Un giorno sono passato a prendere un amico all'azienda del padre, che aveva un piccolo laboratorio di incastonatura. Sebbene non avessi una passione particolare per gli orologi, questo incontro è stato per me una rivelazione e la sera stessa gli chiesi di assumermi del suo laboratorio! Il padre del mio amico ha però calmato i miei ardori: dovevo innanzi tutto dar prova delle mie capacità ed essere sicuro della mia scelta.

Durante 10 mesi, quindi, sono andato tutte le mattine a formarmi al laboratorio, dalle 5 alle 8, ed ancora dopo il lavoro, dalle 17 alle 21. Dopo questa iniziazione, ho dato finalmente le dimissioni dalla banca ed ho cominciato a lavorare come incastonatore al laboratorio. Era la fine degli anni '80 ed il contesto economico era molto difficile. C'era poco lavoro e siccome ero l'ultimo arrivato nell'azienda, ho preferito mettermi per conto mio piuttosto che essere di peso per il laboratorio. E così è iniziata Salanitro.

Com'è riuscito a cavarsela da solo e con una congiuntura economica così sfavorevole?

Salanitro: L'inizio è stato molto difficile. Ho installato un piccolo laboratorio a casa mia e mi sono messo a bussare al maggior numero di aziende orologiere possibile. In questo lavoro, l'essenziale è ottenere che le marche, generalmente molto prudenti, si fidino di voi e vi facciano un primo ordine. Ho iniziato facendo subappalti per altre ditte di incastonatura, poi, a forza di insistere, ho ottenuto i primi contratti con delle marche orologiere. Le cose si sono poi accelerate ed ho potuto sistemarmi nel mio laboratorio in città ed assumere dei collaboratori. Inseguito, ho acquisito dei concorrenti o delle aziende con competenze complementari per ampliare la nostra gamma di prestazioni. Ora realizziamo orologi da A a Z, ad eccezione dei meccanismi.

Quali sono le ricette del successo per riuscire nell'orologeria?

Salanitro: L'orologeria è un settore molto competitivo e che esige competenze estremamente specializzate. Mi ritengo fortunato di essere attorniato da un'équipe eccezionalmente competente e molto professionale. La maggior parte dei nostri collaboratori lavorano con noi da molto tempo: abbiamo poco turnover. In maniera generale, la sfida più grande per un'azienda è quella di garantire il medesimo livello ottimale di qualità, qualunque sia il volume delle ordinazioni. Ciò è di ancora maggior importanza mentre l'azienda cresce ed acquisisce nuovi clienti. Se la qualità di un ordine è carente, è l'insieme della relazione di fiducia col cliente ad essere messa in discussione, soprattutto in un settore come l'orologeria, in cui la precisione ed il savoir-faire sono particolarmente importanti.

Per assicurare questa qualità e restare al vertice dell'innovazione, abbiamo ad esempio un centro studi con dieci ingegneri a tempo pieno che è il più importante nel settore in Svizzera. È anche per questa ragione che mi sono sempre rifiutato di licenziare del personale in periodo di crisi e che mi sono sforzato di continuare ad investire nel futuro dell'azienda. L'orologeria è un settore ciclico, è una cosa che bisogna accettare piuttosto che rischiare di perdere delle competenze ed un savoir-faire prezioso licenziando gli impiegati al minimo segnale di recessione.

Come si immagina il futuro del settore dell'orologeria di lusso?

Salanitro: Attraverseremo sicuramente dei momenti tumultuosi, ma a medio e lungo termine il mercato dovrebbe continuare a crescere. Potremo in particolare contare sull'aumento della domanda di orologi di gioielleria da parte dei paesi emergenti.

Le barriere all'ingresso, nel settore dell'orologeria di lusso, si sono però elevate rispetto ad una ventina di anni fa. A quel tempo era ancora possibile lanciarsi con un piccolo laboratorio come ho fatto io, con relativamente pochi mezzi, mentre gli investimenti richiesti oggi sono considerevoli. Il settore ha in effetti vissuto una grande evoluzione tecnica durante questi ultimi decenni e le macchine, divenute indispensabili, costano a dir poco mezzo milione l'una per le più semplici.

E come vede il futuro della sua impresa?

Salanitro: Continueremo ad investire in modo massiccio per ampliare le nostre competenze e continuare il nostro sviluppo. Concretamente ciò si tradurrà in particolare con il raggruppamento dei nostri due siti produttivi in un solo complesso, permettendo alla nostra superficie produttiva di passare da 2'600 ma 3'200 m2.


Informazione

Biographia

Ritratto di Pietro Salanitro, direttore e fondatore dell'azienda Salanitro, attiva nella fabbricazione e nell'incastonatura di orologi di gioielleria.

Dopo aver ottenuto il diploma di commercio, Pierre Salanitro entra in una grande banca ginevrina. Lascia il suo lavoro per lanciarsi nel settore dell’orologeria di gioielleria, dapprima in un piccolo laboratorio, poi per conto proprio nel 1990. La sua PMI è divenuta nel giro di pochi anni uno degli attori principali dell’orologeria di lusso nel mondo. 

Ultima modifica 04.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/interviste/2012/essenziale-ottenere-che-clienti-fidino-di-voi.html