"Mantenere le nostre conoscenze e capacità in Svizzera è assolutamente essenziale"

Dr. Eric Odenheimer, CEO di Meridian, reputa necessario padroneggiare tutti gli aspetti dello sviluppo dei laser che produce: dalla ricerca alla commercializzazione. Malgrado la sua espansione internazionale, la PMI di Thun non prevede affatto una delocalizzazione, in quanto il marchio Swiss Made si rivela un atout insostituibile.

Come è giunto a Meridian?

Eric Odenheimer: Ho cercato a lungo un'impresa nel ramo della tecnologia medica o farmaceutica. È stato per caso che nel 2010 ho avuto l'opportunità di rilevare Meridian.

Quali prodotti commercializzate?

Odenheimer: Produciamo laser che vengono utilizzati nella chirurgia oftalmologica. Abbiamo un prodotto di punta: il nostro laser "Merilas". Per il momento i nostri laser servono principalmente a curare malattie oculari, ma potrebbero essere utilizzati anche in altri settori medici. Esistono sempre più possibili utilizzi. Ci auguriamo quindi di poter ampliare la nostra gamma grazie alle nostre ricerche. Siamo anche il secondo maggior distributore di apparecchiature neurologiche in Svizzera.

L'insieme dello sviluppo viene effettuato in seno all'azienda?

Odenheimer: In effetti, abbiamo il nostro dipartimento di ricerca e sviluppo (R&S). Tutto il resto del processo è preso a carico all'interno dell'azienda: la gestione della qualità, il dipartimento delle vendite, la produzione ed il servizio post vendita. Nel nostro settore tecnologico - i laser sono prodotti estremamente complessi - un savoir-faire di qualità è indispensabile. Inoltre, siccome vendiamo anche i nostri laser a terzi che pongono domande tecniche complesse, dobbiamo essere in grado di poter fornire una risposta nel minor tempo possibile, cosa impensabile se non disponessimo di una nostra squadra tecnica. È evidente che se non potessimo soddisfare queste esigenze fondamentali per i nostri clienti, perderemmo parte del mercato. Sviluppare competenze proprie in ottica, in meccanica ed ingegneria è assolutamente obbligatorio.

Che peso hanno le esportazioni sul vostro giro d'affari?

Odenheimer: Esportiamo circa il 65% della nostra produzione al di fuori della Svizzera e lavoriamo esclusivamente con dei distributori. In realtà, la difficoltà principale è riuscire a trovarne di buoni ed affidabili, in quanto esigiamo che siano in grado di installare, mantenere ed offrire i servizi necessari ai medici e agli ospedali che utilizzano i nostri prodotti. Questo diverrebbe troppo costoso se spedissimo i laser o ci recassimo in loco per ogni piccolo problema. Data la complessità dei pezzi, la ricerca di distributori risulta meno facile che se, ad esempio, commercializzassimo prodotti medici più "semplici".

Quali sono i vostri progetti di sviluppo a livello internazionale?

Odenheimer: Ricerchiamo una sviluppo continuo verso nuovi mercati. Recentemente ci siamo estesi in Egitto, in Corea ed in Brasile. Esportiamo molto in Medio Oriente ed in Estremo Oriente. Evidentemente, i grandi paesi europei come la Francia e la Germania sono mercati fondamentali. Ampliamo costantemente la nostra rete, ma bisogna comprendere che i prodotti medici o farmaceutici sono molto regolamentati e devono superare diversi controlli e convalide in ogni paese. Non si tratta di un business dove ci si può ingrandire da un giorno all'altro. Ci vuole molto tempo ed il processo è complesso. Ciononostante, una volta ottenute le autorizzazioni, si è in qualche modo agevolati rispetto ai concorrenti.

A proposito, avete molti concorrenti?

Odenheimer: Non facciamo parte di un mercato di nicchia. Comunque, pur se esiste un gran numero di costruttori di laser in diversi paesi, si tratta generalmente di laser specializzati nelle applicazioni industriali. Nel ramo della tecnica medica ne esistono molti meno: direi cinque o sei concorrenti seri.

Lei ha rilevato una PMI: ha dei consigli da dare a coloro i quali volessero fare altrettanto?

Odenheimer: Innanzitutto, logicamente, è fondamentale avere un ottimo business-plan e trovare dei finanziamenti. Si deve inoltre poter aver fiducia nei propri impiegati. Infine, è necessario essere di spirito onesto e soprattutto non lasciarsi scoraggiare dalle incombenze. Personalmente, ho avuto la fortuna di poter collaborare con il vecchio proprietario di Meridain, il quale continua a darmi consigli. Nel caso di rilevamento di una PMI, poter mantenere delle relazioni con il vecchio proprietario è un vero punto di forza.

È stato difficile per lei trovare dei finanziamenti?

Odenheimer: Per la verità, la difficoltà maggiore è stata la questione del timing. Trovare i fondi era di per sé fattibile, ma è necessario farlo nei tempi che permettono di soddisfare il proprietario che si separa dalla sua impresa. Quest'ultimo ha le sue scadenze e il rilevatore non è sempre al corrente di tutti i dati.

In conclusione, perché produce unicamente in Svizzera?

Odenheimer: La chiave del successo è la qualità. Quando si produce in paesi dove i costi sono elevati, come in Svizzera, i prodotti devono essere tecnicamente avanzati e di qualità ineccepibile. In Asia o in America latina, la "svizzeritudine" è ancora un argomento di vendita di grande valore. Dobbiamo cercare di perpetrare tutto questo e dobbiamo quindi dimostrare di essere all'altezza. In nessun caso intendiamo delocalizzare in un altro paese. Mantenere le nostre conoscenze e capacità in Svizzera è per noi assolutamente essenziale.


Informazione

Biografia

Ritratto di Eric Odenheimer, CEO di Meridian.

Eric Odenheimer, dopo una formazione in medicina interna ed in gastroenterologia, ha lavorato a lungo in diversi ospedali universitari svizzeri, a Berna, Zurigo e Basilea, così come negli Stati Uniti. Dispone anche di un Master in sanità pubblica e di un MBA dell’Università di San Gallo.

Insoddisfatto delle opportunità professionali a sua disposizione nel mondo ospedaliero, decide di riorientare la sua carriera. Dopo una ricerca nel mercato delle PMI mediche svizzere, rileva Meridian nel 2010 e lavora ormai al confine tra i suoi due interessi, la medicina e l’imprenditoria.

Ultima modifica 03.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/interviste/2011/mantenere-conoscenze-capacita-svizzera-assolutamente-essenziale.html