"Abbiamo adottato la Suisse ID per il confort dei nostri assicurati"

CTP, prima cassa malati on line della Svizzera, ha recentemente proposto sul suo sito internet la Suisse ID, una prova elettronica di identità concepita su iniziativa della Segreteria di Stato dell’Economia (SECO). Permette al contempo una firma elettronica giuridicamente vincolante ed un’autenticazione sicura. Dall’inizio del mese di ottobre, gli assicurati di CPT hanno la possibilità di farsi identificare grazie a questo nuovo sistema. Un guadagno in comodità e in sicurezza, si entusiasma Reto Egloff, direttore del settore marketing e comunicazione di CPT.

Come funziona la SuisseID sul sito CPT?

Reto Egloff: I clienti di CPT hanno la possibilità di stipulare un'assicurazione online. Il dossier completo dell'assicurato vi è disponibile, così come molti altri servizi, come delle consulenze personalizzate. Per accedervi, in precedenza si doveva utilizzare un login di sicurezza composto da un nome di utente e da una password. Pur conservando questa opzione, insieme a quella di un passaporto internet chiamato AXSionics, abbiamo introdotto la SuisseID, una firma elettronica unica e sicura. I nostri clienti possono scegliere di servirsene o meno.

Perché averla adottata?

Egloff: Abbiamo fatto questa scelta nell'interesse dei nostri assicurati. CPT è il numero uno delle assicurazioni online in Svizzera. Su oltre 380'000 clienti, circa 185'000 possiedono un conto sul nostro portale internet. Desideriamo offrire loro un accesso sicuro grazie ai mezzi più moderni a disposizione.

Quali sono i vantaggi della SuisseID?

Egloff: Si tratta innanzitutto di una questione di confort. La SuisseID permette un accesso sicuro a molteplici servizi disponibili su internet con una sola identificazione. Gli utilizzatori non sono quindi più costretti a gestire diversi conti con diverse password. Basta attivare la SuisseID sul proprio computer grazie ad una carta elettronica o ad una chiave USB e ad un codice PIN personale per garantire la propria identità. Il suo utilizzo è estremamente semplice e rapido. Speriamo che sempre più imprese l'adottino affinché si diffonda.

E quali benefici ne traete voi in quanto impresa?

Egloff: Nel nostro caso, l'introduzione della SuisseID concerne piuttosto i nostri clienti e non tanto i collaboratori. La SuisseID, in quanto metodo di identificazione, non è necessaria per i processi interni alla nostra impresa. Offre tuttavia ai nostri clienti una garanzia di sicurezza della quale siamo i primi ad essere soddisfatti.

La sua integrazione ha modificato il vostro modo di lavorare?

Egloff: Affatto. La nostra piattaforma online esiste da cinque anni ed i processi esistenti sono ben rodati. L'adozione della SuisseID non necessita quindi di un vero e proprio cambiamento organizzativo. Il nostro funzionamento resterà invariato.

La SuisseID è un buon argomento di marketing?

Egloff: Questo strumento può effettivamente permettere di attrarre nuovi clienti per la nostra assicurazione online grazie alla comodità che apporta e dato che la proponiamo gratuitamente a tutti i nostri clienti. Una parte dei nostri assicurati attuali dovrebbe optare per la SuisseID, ma il suo impatto sull'aumento della clientela rischia di restare limitato. Questo dipenderà evidentemente dalla reazione degli utilizzatori, così come dal prezzo al quale potrà essere proposta la SuisseID in futuro.

Come si è svolta l'introduzione di questo strumento?

Egloff: Grazie alla SuisseID il login è reso possibile per i nostri clienti a partire dall'inizio di ottobre. Non siamo quindi che all'inizio di questa esperienza.

Quanti assicurati CPT ne fanno già uso?

Egloff: Poco prima del lancio di questa nuova variante di login, tra i 600 ed i 700 clienti avevano già comandato la loro SuisseID. Prevediamo delle ondate di comande durante i mesi di ottobre e novembre. È in questo periodo che molti assicurati decidono in generale di cambiare assicurazione. Inoltre, siamo in grado di offrire la SuisseID gratuitamente a tutti i nostri clienti grazie ad accordi conclusi con i nostri partner. La sua validità è di tre anni.

I servizi on line della CPT saranno soggetti ad ulteriori sviluppi?

Egloff: Il successo che abbiamo riscontrato con il nostro modello di assicurazione online mi spinge ad affermare che il potenziale è enorme. Le PMI non devono esitare a sviluppare questo genere di piattaforma con metodi d'identificazione automatici, i quali sono molto apprezzati dalla clientela. Attualmente, pochi assicuratori hanno sviluppato sistemi altrettanto sofisticati, se non nessuno. Ma questo settore si presta molto bene, così come quello della sanità. Stiamo infatti elaborando nuovi strumenti online. Questi dovranno permetterci di collaborare meglio con i nostri diversi partner (reti dei medici, ospedali, farmacie, ecc). Dopo aver ampiamente sviluppato le nostre relazioni con i clienti attraverso uno strumento digitale, desideriamo ormai rafforzare allo stesso modo i nostri legami con i fornitori di prestazioni.


Informazione

Biografia

Ritratto di Reto Egloff direttore marketing e comunicazione di CPT.

Reto Egloff è nato l’8 luglio 1968 a Wettingen (AG). È sposato e ha due figli.

Dopo aver ottenuto una maturità economica ad Aarau (AG), ottiene un diploma nel settore alberghiero presso la HF/SHL di Lucerna. Intraprende poi gli studi di giurisprudenza all’Università di Friborgo, che corona con una licenza in diritto.

Durante il suo percorso professionale ha occupato diverse funzioni di quadro nel settore alberghiero, nelle assicurazioni e nell’amministrazione federale. In particolare ha esercitato come consulente nel settore delle casse malati. Prima di entrare presso CPT nel 2007, è stato responsabile della sorveglianza delle casse malati presso l’Ufficio federale della sanità pubblica.

In qualità di membro del Comitato direttivo di CPT, Reto Egloff dirige attualmente il settore marketing e comunicazione.

Ultima modifica 04.09.2015

Inizio pagina

https://www.kmu.admin.ch/content/kmu/it/home/attualita/interviste/2011/abbiamo-adottato-suisse-id-confort-nostri-assicurati.html